Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

De Rossi si gioca la Roma

Alle 18 la sfida contro il Genoa

Può sembrare un fastidio andare a Marassi per la Coppa Italia contro il Genoa, di fronte alla classifica pericolosa che la Spal deve migliorare dopo il pareggio all’esordio e pensando alla prossima doppia sfida al Mazza contro Cosenza e Sudtirol per la risalita in una durissima Serie B. Eppure Daniele De Rossi ha una prospettiva intrigante, personale è vero ma anche per tutto l’ambiente spallino: affrontare la Roma agli ottavi di finale. “Non si va a fare una scampagnata – dice il tecnico – e non so se faremo turnover. Voglio dare spazio a tutti i giocatori a disposizione. Il modulo dipenderà anche da chi avrò a disposizione perché non dobbiamo rischiare nessuno. Sabato abbiamo un’altra partita”

Qualcosa gli torna in mente, data 17 dicembre 2002: “La Coppa Italia mi fa ripensare a Roma-Triestina, se vogliamo parlare di un esordio. Una delle mie prime partite ufficiali, era una stagione in cui pensavo poter fare qualche presenza. Sapevo che l’intenzione di Capello era quella di far giocare quelli che avevano avuto meno spazio e invece andai in panchina anche lì, poi entrai ed ero carichissimo. Segnai il primo della serie dei rigori, finì 5-2 per noi e il giorno dopo dal tecnico ho ricevuto con grande soddisfazione tanti complimenti anche davanti ai vecchi. Sono passati quasi vent’anni e me lo ricordo ancora“. La prospettiva di poter andare all’Olimpico non fa perdere a De Rossi la dimensione del momento: “Ci aspettano a Marassi per giocare col Genoa. Non stiamo certo progettando di vincere la Coppa Italia, sicuramente se dovessimo passare il turno programmeremo la partita di Roma per andare a vincerla“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa