Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il piano dello stadio “top secret” solo per i consiglieri

Ecco il piano segreto per lo stadio della Roma

Ancora deve cominciare l’iter procedurale per le approvazioni urbanistiche del piano per la realizzazione dello stadio della Roma a Pietralata e già barcolla più di una certezza. Le parole dell’assessore capitolino all’Urbanistica, Maurizio Veloccia, ospite del programma «Gli Inascoltabili» in onda su New Sound Level, non sprizzano entusiasmo: “Se è plausibile vedere esordire la Roma nel nuovo stadio già nella stagione 2027-2028 in occasione del Centenario? Ci sono perlomeno venti variabili indipendenti quindi se tutte “vanno in buca” tecnicamente è possibile, statisticamente nel passato non è avvenuto”, ha detto.

Per quanto riguarda l’iter del progetto – il 3 ottobre scorso l’As Roma ha consegnato in Campidoglio lo studio di fattibilità – “la prima cosa fatta dal nostro ufficio – ha spiegato l’assessore – è stata quella di definire un gruppo di lavoro interno a Roma Capitale per poter analizzare lo studio di fattibilità, inviare a tutti gli enti esterni i vari documenti e poi programmare un incontro con la società sportiva per poter mettere intorno ad un tavolo tutti gli enti interessati illustrare il progetto e direi anche rispondere ad eventuali questioni di eventuale interesse delle singole amministrazioni per esprimere un parere“.

Tale incontro potrebbe avvenire, secondo l’assessore, “all’inizio di novembre, dopo aver dato un tempo congruo alle amministrazioni per studiare le carte e chiedere eventuali integrazioni documentali”

Peccato però che parte fondamentale dell’amministrazione capitolina non sia ancora venuta in possesso del piano presentato dalla As Roma. Ad accendere la polemica, in Commissione Urbanistica, il vicepresidente Marco Di Stefano: “L’atteggiamento di chi avrebbe il ruolo di raccogliere il maggior consenso trasversale per far ripartire questa città oramai decadente, già da qualche anno, nel settore dello sviluppo urbanistico, è semplicemente inquietante. Alla richiesta del sottoscritto e di altri consiglieri di opposizione, che si ripete da settimane, di avere i documenti del progetto del nuovo stadio della Roma, l’assessore Veloccia ha risposto che, su indicazioni del Segretariato Generale, non può trasmetterli ai membri della Commissione Urbanistica di Roma Capitale, e che se questi ultimi volessero entrarne in possesso, dovrebbero, come qualsiasi cittadino, farne richiesta tramite un’istanza di accesso agli atti. Non possiamo che augurare in bocca al lupo all’assessore Veloccia – conclude Di Stefano – in attesa di capire cosa ci sia di tanto segreto da nascondere in questo progetto, visto che lo stesso è già in mano alla stampa che ne ha dato ampia informazione a tutti i cittadini”. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa