Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rocchi obbligato a scegliere Irrati

Sarà Irrati a dirigere Roma-Napoli

Avete presente una camicia stretta? È quella che è costretto ad indossare il designatore Gianluca Rocchi e non è altro che l’altra faccia della coperta troppo corta. La sostanza non cambia e quando è il momento di fare delle scelte, soprattutto quando in una stessa giornata di capitano (in ordine di apparizione) Fiorentina-Inter, Atalanta-Lazio e Roma-Napoli, tutto diventa maledettamente difficile.

E allora, anche per esclusione, senza dimenticare che i prossimi due mesi e mezzo saranno i suoi ultimi da internazionale (lascerà il badge a Sozza dal primo gennaio), Rocchi si sarebbe appuntato a fianco alla partita dell’Olimpico il nome di Massimiliano Irrati.

Un obbligo, quasi. Perché che sia una partita da internazionale (come le altre due, del resto) è scontato. Così come, giocando con i nomi, è scontato che il nome di Orsato sia più adatto alla sfida, sempre all’Olimpico, del 6 novembre, ovvero il derby

Esclusione la metodologia, non benissimo ma delle volte aiuta: Doveri (che internazionale non è più per favorire Pairetto e/o Chiffi , mai scelta fu più scellerata) e Mariani non possono dirigerla per ovvi motivi (di Roma e di Aprilia) ma sono gli arbitri che Rocchi al momento considera al di sopra degli altri (rendimento alla mano non ha torto). Di Bello al momento non è in grado di fare neanche le gare di basso livello (Samp-Roma di lunedì è ancora fresca, figuraccia inguardabile), Fabbri è designato per Juve-Empoli domani, Chiffi ha un rendimento imprevedibile (ma potrebbe essere diretto a Bergamo o a Firenze).

Allora non resta che lui, Irrati che ha nella Roma la squadra di serie A più diretta (arbitrata 23 volte: 12 vittorie, 6 pareggi e 5 ko), mentre i precedenti con il Napoli sono 14 (11 vittorie, 1 pari e 2 ko). Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa