Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La rete di Mou per fermare l’armata azzurra di Spalletti

Mourinho sfida Spalletti: è difesa contro attacco

Mourinho ha scelto la sua Roma anti-Napoli. Lo Special One sembra deciso ad affidare a Zalewski la copertura su Kvaratskhelia, mentre Zaniolo affiancherà Abraham. Soprattutto si va verso la conferma di Camara in mediana. Una sfida speciale, invece, per Ibanez che avrà gli occhi del secondo di Tite in tribuna: Roger è osservato speciale per il Mondiale. Il cammino delle due squadre dista soltanto 4 punti in campionato, ma quello offensivo non è paragonabile.

Il Napoli segna più del doppio. Tirando di più, creando molto di più e con un media di gol a partita raddoppiata. Tra campionato e coppe, prendendo in esame solo il reparto offensivo, gli attaccanti di Spalletti hanno siglato la bellezza di 30 gol: spicca Kvaratskhelia a quota 7, poi seguono Raspadori a 5, Osimhen, Simeone e Politano a 4 e infine Lozano a 3. Mourinho ha il suo goleador in Dybala, che tornerà a disposizione solo nel 2023. Se i suoi 7 gol lo mettono in testa ai goleador giallorossi, gli altri, per il momento sono rimasti a guardare o quasi. Solo 2 le reti per Abraham, Belotti e Pellegrini, 1 per Shomurodov e 0 per Zaniolo. Numeri simili portano il Napoli ad una media gol a partita di 2.5, il doppio della Roma ferma a 1.3. Gli uomini di Spalletti tirano di più (203 contro 153) e soprattutto centrano di più lo specchio della porta (67 contro 56): nei 90 minuti il conteggio medio è di 35 occasioni da tiro contro le 24 create dai giallorossi. Non sono numeri così lontani dall’ultima volta che le due squadre si sono incontrate all’Olimpico: uno 0-0 con poche emozioni, ma due grandi occasioni per la Roma con Abraham e Mancini. Merito della difesa, che rimane il fiore all’occhiello della gestione Mourinho: nelle ultime 5 gare Spalletti ha incassato 5 reti, lo Special One una in meno. I giallorossi hanno nettamente il miglior coefficiente dei gol previsti dell’intera Serie A e subiscono meno tiri di tutti (24), avendo già collezionato 5 clean sheets in stagione. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa