Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Meritavamo di più. L’arbitro Irrati? Non ha certo fatto un grande match”

Le dichiarazioni di Mourinho dopo la sconfitta contro il Napoli

Alla fine lo sguardo è deluso, la voce di chi fa fatica anche a commentare. Si aspettava qualcosa di diverso, è chiaro, ma alla fine aveva anche sperato di portala a casa senza perdere la partita. “Abbiamo fatto una prestazione sufficiente per non perdere e, a conti fatti, non meritavamo di uscire sconfitti – dice alla fine Josè Mourinho -. Certo, la partita volevo vincerla esattamente come il Napoli. È stata una partita difficile, soprattutto nel secondo tempo, con la stanchezza che è venuta fuori e con tutti quei gialli tirati fuori da IrratiMa noi avevamo controllato bene la partita contro una grande squadra, la sconfitta la vivo come una sensazione ingiusta, in questi casi chi fa gol vince. E così è stato”.  Già, ed allora inevitabilmente il discorso scivola sull’inconcludenza degli attaccanti giallorossi: “Mi aspettavo di più, è chiaro – continua Mou -. Ma per fare di più in fase offensiva abbiamo bisogno di quella qualità che ora non abbiamo. Bisogna essere più decisivi negli ultimi metri. Osimhen ha fatto gol, i giocatori alla fine fanno la differenza“. Il che sembra un riferimento diretto al suo centravanti, Abraham, che anche ieri ha girato a vuoto: “Questa è la vita dei giocatori, succede spesso che in determinati momenti ci siano calciatori che abbiano questo tipo di situazioni. Possiamo trovare altri giocatori bravi che vivono momenti dove invece non sembrano bravi come sono. E Tammy oggi vive questo momento qui“.

Mourinho allora si tuffa su altri problemi, dalla stanchezza della squadra alla conduzione dell’arbitro: “Loro sono forti, noi invece avevamo tanti problemi. Nella ripresa abbiamo abbassato la pressione per stanchezza, con Karsdorp e Spinazzola che hanno faticato. E quando i quinti faticano, la squadra di conseguenza si abbassa e perde forza. Rick tra l’altro non era in grado di giocare, nell’intervallo non si è potuto neanche sedere per evitare che il ginocchio si bloccasse. E in panchina non avevamo scelte per cambiare la partita, da noi ogni infortunio diventa un problema”.  Infine, Mourinho dedica anche un commento su Irrati: “È un buon arbitro, serio. Non ha fatto una grande partita, a volte capitano anche a noi di sbagliare. Ma ci sono state delle cose che non mi sono piaciute. E alla fine ha sbagliato, perché Lozano, quello che si tuffa sempre, ha aggredito uno dei miei”. 

Lo scrive La Gazzetta dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa