Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Europa League, si può passare anche perdendo ad Helsinki

Ecco i possibili incastri del girone di Europa League dopo la sfida di Helsinki

Non è vero che la Roma si qualificherebbe sicuramente vincendo le 2 partite che restano. Se Ludogorets-Betis Siviglia finisce 3-0, per esempio, e la Roma batte con un solo gol di scarto sia l’Hjk che i bulgari, a parità di punti e di confronti diretti sarebbe secondo il Ludogorets per la migliore differenza reti generale, +4 contro +3, dando per scontato che il Betis non perda in casa con l’Hjk vincendo il girone con 11 o 13 punti. E la Roma, terza, finirebbe in Conference.

Non è vero che la Roma si qualificherebbe sicuramente vincendo entrambe le partite e battendo bulgari con almeno 2 gol di scarto. Se il Betis perdesse contro Ludogorets e Hjk ci sarebbero 3 squadre a 10: per la classifica avulsa, 1° Betis 7 punti (negli scontri diretti), 2° Ludogorets 6, 3a Roma 4. Anche vincendo 10-0 con i bulgari…

Non è vero che la Roma sarebbe eliminata non vincendo in Finlandia. Potrebbe ancora arrivare 2a persino perdendo ad Helsinki. Con questi risultati, ad esempio: Betis 0-1, Hjk-Roma 1-0, Roma Ludogorets 1-0 o comunque con un solo gol di scarto, Betis-Hjk 1X, la classifica sarebbe 1° Beits 14 o 16 punti, 2a Roma 7, 3° Ludogorets 7, 4°Hjk 4 o 5 punti. A parità di confronto diretto la Roma passerebbe per la miglior differenza reti totale, +1 contro 0.

Stesso discorso se Ludogorets e Roma pareggiano domani; e naturalmente se il Ludogorets perde e la Roma pareggia. Per arrivare seconda basterebbbe poi battere i bulgari con qualsiasi punteggio. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa