Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Missione sorpasso

La Roma di Mourinho cerca il sorpasso a Verona

Hanno giocato Juventus, Inter e Atalanta tra sabato e domenica. Ora la Roma deve fare il suo dovere di lunedì, per superare la Lazio, riprendersi il quarto posto e proiettarsi al meglio verso il doppio impegno Ludogorets-derby. I giallorossi sono chiamati a vincere oggi alle 18.30 a Verona anche per cancellare il ko interno con il Napoli.

Mourinho fiuta bene i pericoli della sfida di oggi che vanno oltre il valore di un avversario reduce da sei sconfitte consecutive e risucchiato all’ultimo posto in compagnia della Cremonese. Il tecnico giallorosso chiede quindi ai suoi una prova di carattere per sopperire ai problemi legati agli infortuni e alla stanchezza.

Anche in questa ottica, a Trigoria non hanno preso con entusiasmo la festa organizzata da El Shaarawy per il suo 30esimo compleanno venerdì sera in centro al locale “La Lanterna”. Erano presenti la maggior parte dei giocatori, tra gli invitati anche i membri dello staff, Mourinho non si è visto mentre alcuni calciatori si sono trattenuti fino a notte fonda. Nulla di vietato, era il giorno libero della squadra rientrata alle 6 del mattino da Helsinki, ma in questi casi un po’ di cautela è sempre apprezzata.

Oggi Mou punterà ad esempio sulla voglia di rivalsa di Zaniolo e lo smalto apparentemente ritrovato da Abraham in Finlandia. Servono altri gol dagli attaccanti, Helsinki deve essere un inizio. I precedenti dello scorso anno sono un richiamo alla concentrazione. Al Bentegodi arrivò la prima sconfitta stagionale della Roma di Mourinho. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa