Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Si ferma anche Spinazzola. Mourinho va a Verona e tenta il sorpasso

Si ferma Spinazzola, la Roma a Verona per il sorpasso

La media torna ad essere preoccupante: un indisponibile a partita, con l’infortunio che arriva a poche ore dalla partita. Prima Zalewski con il Napoli, poi Ibanez con l’Helsinki e ora è il turno di Leonardo Spinazzola: l’esterno sinistro giallorosso ha accusato un problema muscolare nell’allenamento di sabato, ha saltato la rifinitura di ieri mattina per sottoporsi ad esami strumentali.

La diagnosi parla di lesione al retto femorale sinistro, motivo per il quale non è partito alla volta di Verona, dove oggi (ore 18.30) la Roma di José Mourinho sfiderà l’Hellas di Bocchetti. Molto probabile che il suo 2022 sia terminato anzitempo.

L’ennesimo forfait che costringe lo Special One a rivedere le sue scelte: Zalewski tornerà ad agire sulla fascia sinistra e prenota una maglia da titolare anche per il derby contro la Lazio. El Shaarawy invece può partire titolare giovedì in Europa League contro il Ludogorets, per una perfetta alternanza tra gli esterni. Per uno che si ferma (Spinazzola), il sorriso di Mourinho può tornare a splendere per i ritorni di Zaniolo, Ibanez, Matic e Celik, quattro pedine che possono tutte trovare minutaggio al Bentegodi.

In difesa il dubbio riguarda Smalling: l’inglese può riposare a favore di Kumbulla, le altre scelte di Mourinho sono fatte. Ricapitolando: Rui Patricio in porta, Mancini, Ibanez e Kumbulla nel reparto arretrato, Karsdorp e Zalewski agiranno sulle fasce, Cristante e Camara in mediana, con Pellegrini e Zaniolo alle spalle di Tammy Abraham. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa