Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tra infortuni e delusioni di mercato: lo stop di Dybala. In difesa ora Celik deve migliorare

Lo stop di Dybala e i margini di miglioramento di Celik

Nell’universo giallorosso non ci sono dubbi: fra evocare la delusione o la sfortuna, è la seconda quella chiamata in causa. In questo momento la Roma, pur restando nei piani alti della classifica, ha fuori il giocatore più rappresentativo (Dybala) e l’acquisto che – insieme all’attaccante argentino – sarebbe stato quello chiamato a fare la differenza (Wijnaldum).

Non è un caso che Mourinho reciti sempre il mantra del “resistere fino a gennaio“, alludendo al fatto che avrà i suoi due campioni a disposizione. In ogni caso, per problemi diversi si sono fermati quasi tutti in casa giallorossa.

Da Zaniolo a Karsdorp, da Matic a Spinazzola, senza contare le influenze di stagione che hanno chiesto un prezzo a Ibanez e Zalewski. Morale: vere e proprie delusioni non ce ne sono state. Gli unici giocatori per cui il club ha investito del denaro sono stati Camara (prestito oneroso per 1,5 milioni), sempre più centrale negli schemi dell’allenatore portoghese, e Celik (pagato 7 milioni). Proprio quest’ultimo, pur anche lui fermato da un infortunio, quando è stato a disposizione non ha quasi mai convinto. Ma in futuro avrà anche lui le sue chance. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa