Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tra Sassuolo e l’Austria Mourinho cerca la via del gol (aspettando Dybala)

Vincere le prossime due gare per andare alla sosta in zona Champions League

Il day after a Trigoria, dopo il derby perso, è stato all’insegna della riflessione. Il giorno dopo, come da copione, fa ancora più male. E così, con il morale sotto terra, la squadra si è ritrovata in palestra per il lavoro di scarico. Un gruppo silenzioso, abbattuto ma allo stesso tempo concentrato: zero sorrisi, la testa già volta al prossimo impegno di campionato in programma mercoledì a Reggio Emilia. La zona Champions dista solo due punti. In 10 occasioni, tra campionato e coppa, la squadra di Mou è arrivata all’intervallo senza aver segnato. A Reggio Emilia (partenza nel pomeriggio, subito dopo la conferenza di Mourinho fissata alle 15.30) non ci sarà Lorenzo Pellegrini: dopo diverse partite giocate al limite, il flessore destro si è arreso alla fatica. Gli esami sostenuti dopo la gara hanno evidenziato una lesione di primo grado, ovvero uno-due settimane di stop: il 2022 per lui è finito anzitempo. Appuntamento, insieme a Wijnaldum, al 2023.

Discorso diverso per Dybala: inserito nei 28 pre-convocati del ct Scaloni, la Joya vuole provare a esserci per l’ultima di campionato col Torino. Stato d’animo opposto per Ibanez: al folle errore nel derby si è sommata la delusione “nazionale”. Il difensore è stato escluso dai convocati del ct brasiliano Tite. Dal presente al futuro, dal Sassuolo al Salisburgo: è andato infatti in scena a Nyon il sorteggio dei playoff di Europa League. Primi in classifica in Austria, giocano un calcio propositivo, un 4-3-1-2 pieno zeppo di talenti under 25 (le stelle sono Okafor e Sesko). Andata il 16 febbraio, ritorno il 23, ma prima di pensare al futuro, c’è un presente da onorare. A Reggio Emilia, contro il Sassuolo, non si può sbagliare. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa