Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Tiago Pinto: “La partita di oggi è importante. Karsdorp? Abbiamo preferito non fosse della partita”

Le parole del dg giallorosso

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Dazn a pochi minuti dall’inizio del match contro il Torino. Queste le sue parole:

“Sappiamo che la partita di oggi è importante, non possiamo nascondere di essere frustrati dopo gli ultimi due risultati. La Serie A è sempre molto competitiva e sappiamo che se oggi vinciamo possiamo avvicinarci in classifica, ma sempre con la consapevolezza che si tratta di un campionato lungo, che è una maratona.
Per quanto riguarda il tema di Karsdorp, anche se io non parlo molto, non nascondo i problemi. Tutti voi avete visto quello che è successo. Noi, insieme al giocatore e all’allenatore, abbiamo deciso che sarebbe stato meglio per tutti, per lui e per la squadra, non esserci nella partita. Poi, dopo la fine di questa partita e come abbiamo fatto sempre con i problemi che sono successi, dobbiamo mettere l’interesse della Roma sopra a tutto e sicuramente troveremo una soluzione buona per tutti”.

È sorpreso dalla mancata convocazione di Abraham per il Mondiale?
“Io sono sicuro al 100% che alla fine di questa stagione sarà una seconda grande stagione di Abraham alla Roma. Non ho il minimo dubbio. Lui è un calciatore fenomenale con tante qualità e noi vogliamo sempre di più da lui. Detto questo, nessuno mi ha mai sentito parlare del lavoro fatto nelle squadre nazionali. Rispetto tutti, non dico nulla, ormai ho anche un’opinione personale diciamo grave su quello che succede in questo calendario per il tema della nazionale, ma non dico mai nulla. Ma non posso accettare, io come gli altri club, che dopo una convocazione della nazionale si cerchi di giustificare questa convocazione con quello che succede nei club. Perché se Tammy non va in nazionale perché non ha fatto gol negli ultimi mesi rispetto magari ad un ragazzo che ha fatto gol ma il giorno prima era in panchina, allora Smalling dovrebbe essere titolare con l’Inghilterra. Quello che voglio dire è che noi siamo soddisfatti di Tammy, sempre con la prospettiva che debba migliorare e siamo sicuri che migliorerà. Siamo soddisfatti dei nostri ragazzi che vanno al mondiale perché è importante per loro. Non diciamo mai nulla sulle squadre nazionali, sosteniamo il loro lavoro ma non posso accettare che dopo le convocazioni si parli del lavoro dei ragazzi nella Roma, come una giustificazione ad una scelta loro”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra