Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

“Con Mou fino alla morte”. Ma ora qualcuno mette in discussione lo Special One

I tifosi giallorossi cominciano a dubitare sull’operato di José Mourinho, infastiditi dopo diverse situazioni. Ma c’è anche chi vede lo Special-One come unica soluzione

Con Mourinho fino alla morte, è lui la salvezza di questa società”. Tutti i tifosi, o almeno la maggior parte, la pensavano così. Prima del derby José Mourinho era la salvezza della Roma, l’uomo su cui tutti potevano fare affidamento e fidarsi. Ma dopo il match con la Lazio qualcosa è cambiato. Prima la sconfitta contro la squadra di Sarri, le prestazioni ed un gioco poco fluido, poi il litigio con Karsdorp: atteggiamenti e decisioni che hanno cominciato a dar fastidio anche a qualche tifoso.

Ma non tutti sono convinti che il problema sia Mourinho. Ricordiamo la scorsa stagione, quando il 21 dicembre fu esposto uno striscione con su scritto: “Con Mourinho fino all’inferno”. Per tanti lo Special One è rimasto ancora “l’unica soluzione, mai il problema”. Il trofeo di Tirana, il senso di appartenenza e l’aver ritrovato l’entusiasmo che da tanto tempo mancava è stata la chiave fin qui del successo di Mourinho a Roma, e per tanti tifosi ciò che ha fatto l’allenatore portoghese non ha prezzo.

 Prime polemiche

Tutti felici e contenti? Non proprio. Come dicevamo in precedenza, una minoranza di supporters giallorossi ha cominciato ad evidenziare il mancato gioco della Roma, stufi anche della gestione con lo spogliatoio: “Cosa ci ha guadagnato la Roma con Mourinho? Ha svalutato un giocatore forte, spesso titolare, che adesso sarà ceduto a gennaio. Ed il gioco, quando potremo parlare di solo di campo e di come gioca la Roma? Si cerca quasi sempre una scusa esterna“, esclamano diversi tifosi sui social. La sosta ora è la salvezza per José Mourinho e la sua squadra. I Mondiali daranno modo a tutti di liberarsi dall’accumulo di stress rimediato in questo primo periodo e permetterà a Mourinho di risolvere i problemi della squadra con più calma.

La preoccupazione

Chi rimane dell’idea che José Mourinho sia l’unica salvezza della Roma ha paura che lo Special One a giugno possa decidere di cambiare aria: “Forse ha capito che con questa squadra non può fare molto di più. Spero solo che a giugno non se ne vada“. Ora però Mou ha un’altra preoccupazione in testa, ovvero di rimettere in carreggiata la Roma e ripartire da capo a gennaio, con l’obiettivo di riuscire a fare un’altra impresa dopo quella di Tirana.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti