Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma sempre più solida e valorizzata: il piano dei Friedkin

Il progetto dei Friedkin rende la Roma più solida e valorizzata

Nel silenzio delle parole non dette, ma nella concretezza dei fatti realizzati, Dan e Ryan Freidkin proseguono il piano per il rilancio, commerciale e manageriale, della Roma. Le riunioni che Dan e Ryan, con i loro dirigente e anche con Corbin, l’altro figlio del presidente sempre più romano, come il fratello, stanno portando avanti. Giocando su più piani e più continenti: l’Europa, l’America e adesso anche l’Asia, con la tournée in Giappone breve (una settimana), ma densa di appuntamenti.

L’anno che si sta chiudendo, per la Roma, sarà un anno da ricordare. Oltre al successo sportivo, ci sono state importanti novità in chiave finanziaria ed economica: prima l’uscita dalla Borsa, poi il bond, ripagato con 275 milioni di cui 92 versati di tasca propria dalla proprietà. E, infine, le nuove strategie per aumentare il valore del brand e ridurre il passivo in bilancio.

La promozione del marchio nel mercato asiatico è fondamentale, l’accordo in divenire con Adidas come sponsor tecnico anche, la necessità di trovare nuovi partner prosegue. Anche perché finora il Gruppo Friedkin ha investito nella Roma quasi 700 milioni di euro e non c’è segnale più grande di questo a garantire i piani per il futuro. Il viaggio in Giappone darà alla Roma l’opportunità di parlare con nuovi sponsor e durante la sosta ci saranno ulteriori eventi commerciali. Lo scrive il Corriere dello Sport.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa