Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp rimane ancora latitante: per gennaio c’è la pista Bereszynski

Ritorna di moda il nome del terzino blucerchiato

Lui non si presenta ancora a Trigoria, lei chiede aiuto ai suoi followers per trovare una brava massaggiatrice dalle parti di Amsterdam. La giornata della famiglia Karsdorp ieri è scivolata via così, con Rick che per il secondo giorno consecutivo ha saltato l’appuntamento con gli allenamenti agli ordini di José Mourinho. a rottura tra Rick e la Roma oramai sembra più netta e la possibilità che la vicenda possa tornare sui binari iniziali sembra alquanto complicata. Karsdorp e il suo agente, Johan Henkes, sono certi di poter andare altrove a gennaio. Qualcuno sussurra anche che abbiano già qualcosa di importante in mano. Di certo c’è che la Juventus continua a seguire da vicino la situazione ed è pronta a prendere il terzino già alla riapertura del mercato, ma solo in prestito secco. La sua situazione in Italia è seguita da vicino anche dal Bologna, mentre in Francia è vivo l’interesse di due club del valore di Lione e Marsiglia, che accoglierebbero il terzino a braccia aperte subito dopo la sosta per il Mondiale.

La Roma, nel frattempo, aspetta di capire che sviluppi prenderà la vicenda, forte del fatto che a Karsdorp verrà comunque comminata una multa pari al massimo ipotizzabile (il 30% dello stipendio mensile). Tra l’altro il general manager Tiago Pinto lo aspetta ancora per la tournée in Giappone. Nel senso che la squadra salperà alla volta del Sol Levante oggi pomeriggio e per il club giallorosso Karsdorp resta a tutti gli effetti convocato. Pinto, insomma, si aspetta di vederlo sull’aereo, se così non fosse – cosa assai probabile – la situazione inevitabilmente peggiorerebbe. Nel frattempo, ovviamente, la Roma sta anche cercando di capire quali soluzioni possono arrivare dal mercato. E oltre alle pista che portano in Spagna (Bellerin e Odriozola) resta viva anche quella di Bereszynski, il polacco in forza alla Sampdoria. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa