Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum, il “tagliando” ora è stabilito: il 15 dicembre si saprà la verità

L’olandese verso il recupero completo

Il clock è scoccato, la data del tagliando finale è stata decisa. Sarà il 15 dicembre, quando Georginio Wijnaldum svolgerà a Roma la visita di controllo per capire come ha effettivamente recuperato dalla frattura alla tibia destra. E in quel caso si saprà anche meglio i tempi completi di recupero e quando il centrocampista olandese potrà tornare a disposizione di Mourinho. L’allenatore portoghese conta i giorni, considerando l’importanza del giocatore nel suo scacchiere tattico, ma è anche consapevole che i tempi di recupero si sono allungati e che quasi certamente non potrà averlo a disposizione prima del prossimo mese di febbraio.

Occhi puntati quindi sul calendario, segnate con la matita rossa quella data se vi interessa sapere quando ci potrà essere una “sentenza” sui tempi di rientro. Wijnaldum è fiducioso, come dimostra spesso in questi giorni tramite i suoi social. La Roma lo ha fatto lavorare tranquillamente ad Amsterdam, a casa sua, per permettergli anche di recuperare prima anche dal punto di vista “psicologico”. Il 15 farà la visita medica, poi molto probabilmente volerà in Portogallo con la squadra, in Algarve, dove ad Albufeira la Roma svolgerà un richiamo della preparazione. In Portogallo però Wijnaldum andrà più per fare gruppo che non per lavorare davvero con la squadra. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa