Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tre romanisti su 4 avanti, ma rimane un Mondiale amaro

Vina eliminato con il suo Uruguay

Si è chiusa ieri la fase a gironi di un Mondiale che ha visto, finora, decisamente sottotono i quattro romanisti impiegati: Zalewski, Vina, Dybala e Rui Patricio, in rigoroso ordine di minutaggio, sono stati finora solo comparse nelle rispettive nazionali. Tre di loro andranno avanti e giocheranno gli ottavi di finale, Vina è il primo romanista che tornerà a casa a causa dell’eliminazione dell’Uruguay in favore della Corea del Sud. Dybala ce l’ha messa tutta per rientrare tra i convocati di Scaloni, per alcuni anche privilegiando troppo la nazionale alla maglia giallorossa, ma finora il c.t. della Seleccion lo ha ignorato: a complicare i piani della Joya il fatto che l’Argentina abbia dovuto lottare fino all’ultimo per qualificarsi, senza ricorrere al turnover che di solito fanno le nazionali più forti nella terza partita del girone.

Come Dybala anche Rui Patricio non è mai stato utilizzato dal c.t. portoghese Fernando Santos, ma in questo caso la scelta non è una sorpresa perché il titolare è Diogo Costa e in una manifestazione come il Mondiale è raro, a meno che non ci siano espulsioni, che avvenga un’alternanza tra i portieri. Il romanista che ha giocato di più in Qatar è Zalewski, che finora ha collezionato 45 minuti in campo, quelli del primo tempo nel match della Polonia contro il Messico. Sostituito nell’intervallo dal c.t. Mic h n i e w i c z , l’esterno giallorosso non è più stato utilizzato. È sceso in campo per quindici minuti, infine, Matias Vina, che ha perso la titolarità nella formazione allenata da Diego Alonso che gli preferisce il “napoletano” Olivera. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa