Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Totti: “La Roma il mio solo grande amore, nessuno mi ha mai convinto a lasciare la città”

Francesco Totti ha rilasciato un’intervista direttamente dalla Turchia

Francesco Totti in questi giorni è in Turchia per la partnership aperta di recente con Cosmedica. Ha rilasciato un’intervista al portale Goal. Ecco le sue dichiarazioni:

“Ho avuto solo un grande amore, la Roma. Il mio obiettivo era iniziare e finire con la stessa squadra. Nessuna società mi ha convinto a lasciare la Capitale

Che cosa ne pensi de turchi? “Sono venuto in Turchia per affari. Abbiamo una partnership con il Dr. Levent Acar. Sono molto felice di essere qui e di lavorare con questa squadra. Le persone qui sono molto amichevoli ed estremamente buone.”

Quindi, prenderesti in considerazione l’idea di vivere a Istanbul? “Non ho intenzione di stabilirmi a Istanbul per il momento, ma punto a venire qui spesso a causa della partnership che abbiamo stabilito”.

Che cosa ne pensi della mancata qualificazione dell’Italia al Mondiale?  “Purtroppo non ci siamo qualificati ai Mondiali in Qatar. Non solo, non siamo riusciti nemmeno ad approdare a quelli precedenti. Ormai ci siamo abituati… (ride, ndr). Ho ricordi indelebili con la Nazionale. Insieme ai miei compagni di squadra, abbiamo vinto tanto. Non posso dimenticare il momento in cui abbiamo vinto la Coppa del Mondo. Tuttavia, è passato troppo tempo.”

Sul calcio turco. “Prima di tutto, i club turchi devono smettere di concentrarsi sul futuro e pensare su ciò che stanno facendo ora. Ci sono squadre molto importanti in Turchia che hanno un posto di rilievo nel mondo del calcio. Quindi penso che saranno migliori in futuro, ma possono farlo solo concentrandosi sul presente”. 

30 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

30 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News