Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

José, 100 punti in A per i 60 anni

Domani lo Special One compirà 60 anni!

Quando José Mourinho nacque il 26 gennaio 1963 a Setubal, suo padre giocava portiere nel Vitória che quell’anno arrivò nono in Portogallo. A 10 anni il piccolo José festeggio il 2° posto del genitore col Belenenses, il miglior piazzamento del club dopo l’unico scudetto del 1945-46. A 20 anni era difensore in Serie B nel Belenenses allenato da papà Felix, che in quel 1982-83 lo mandò in campo nel 2° tempi di un incontro di Coppa del Portogallo contro il Vila Franca do Campo: finì addirittura 17-0 e José, nella sua giornata di gloria, segnò 3 gol.

A 30 anni faceva l’interprete e l’assistente di Bobby Robson allo Sporting Lisbona. A 40 anni vinse il suo primo campionato col Porto, facendo il tripletta con Coppa del Portogallo e Coppa Uefa. A 50 lasciò il Real Madrid in una stagione in cui aveva vinto la Supercoppa spagnola. Per i 60, che festeggerà domani, Mourinho si è appena fatto un regalo: i 100 punti in Serie A con la Roma, cifra tonda raggiunta vincendo a La Spezia, e spera di farsene un altro tra 4 mesi, quella Coppa Italia in cui le eliminazioni di Napoli e Milan gli hanno aperto una autostrada verso la finale del 24 maggio all’Olimpico. Magari aggiungendoci un piazzamento-Champions, visto che il -15 inflitto alla Juventus e il ko dell’Inter con l’Empoli hanno proiettato i giallorossi al 3°posto in classifica. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa