Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il momento giusto per essere Pellegrini

Il derby è la partita dei calciatori nati e cresciuti a Roma: può essere il momento di Lorenzo Pellegrini

Il derby è il derby, fin da ragazzini. Si dice che una delle grandi delusioni della carriera di Lorenzo Pellegrini sia proprio legata alla Lazio. Anno 2015, all’Olimpico si gioca la doppia finale di Coppa Italia Primavera e la Roma ha tutti i favori del pronostico dopo l’1-0 dell’andata. Invece i biancocelesti di Simone Inzaghi ribaltano il risultato e si portano a casa il trofeo.

Pellegrini aveva già esordito in Serie A da quasi due mesi, ma quella sconfitta gli bruciò così tanto che finì a terra, in lacrime, sul prato dell’Olimpico. Nel corso degli anni si dice che ci abbia ripensato, ma poi ha spiccato talmente tanto il volo che forse quella delusione da diciottenne resterà solo nei suoi ricordi di ragazzino. Ora è un uomo, padre e capitano della Roma e i derby che contano sono altri.

Dopo la partita contro la Real Sociedad, visto che in Europa la Roma non fa silenzio stampa, si è spinto a dire che sì, forse “è il momento perfetto per giocare il derby. Quando si giocano certi tipi di match e quando si è giocatori da Roma bisogna recuperare tutte le energie e saper giocare anche ogni tre giorni partite importanti”. Non voleva essere presuntuoso, Pellegrini, ma voleva semplicemente ribadire la totale fiducia in un gruppo che sente suo al di là della fascia che indossa.

Ieri ha tolto i punti in testa, sta meglio, giocherà ancora con il caschetto ma non si risparmierà. Non lo fa mai, figuriamoci contro la Lazio, l’avversaria di una vita. Ha affrontato i biancocelesti 11 volte di cui 8 con la Roma e 3 con il Sassuolo. Il bilancio dei derby dice 3 vittorie, 3 sconfitte e 2 pareggi, oltre a due gol segnati. Due reti splendide: un colpo di tacco nel 2018 e una punizione lo scorso anno. Lo scrive il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa