Resta in contatto

News

Champions League, V. Plzen – Roma 2-1 (62′ Kovarik, 68′ Under, 72′ Chory): notte fonda alla Doosan Arena

Giallorossi sconfitti nel gelo della Doosan Arena. Prestazione incolore, giocatori in confusione e tecnico sotto accusa.

La Roma cade ancora. La partita contro il Plzen non contava nulla sulla carta, vero, ma i giallorossi erano chiamati a dare un segnale. E, forse, il segnale c’è stato. Dopo tre giorni di ritiro, la squadra ha confermato quanto espresso nella trasferta di Cagliari. Due gol subiti su disattenzioni difensive, stavolta a firma di Santon, intervallati da un guizzo di Under, l’unico squillo del match. Le scelte di Di Francesco non hanno convinto. La fiducia a Mirante, Santon, Marcano e Pastore non è stata ripagata. Il portiere è sembrato esente da colpe mentre per il terzino e per l’argentino pesa una prestazione incolore.
L’ex Inter, sul primo gol di Kovarik, manca la chiusura, e si ripete sul sigillo finale di Chory, pronto a ribadire in rete una respinta di Mirante. Pastore è apparso svogliato e fuori condizione, la controfigura del fantasista che abbiamo apprezzato in passato.

Il primo tempo delinea una gara senza particolari guizzi. Le notizie provenienti da Madrid (con i Blancos travolti per 3-0 dal Cska Mosca ) accendono la speranza del Viktoria Plzen che mette da parte la timidezza e annusa il colpaccio. Complice una Roma rassegnata, i padroni di casa cambiano ritmo nella ripresa, mettendo sotto i giallorossi che non hanno né voglia ne forza di reagire.
Il passivo finale sarebbe potuto essere più pesante se Petrezla non avesse sprecato una ghiotta occasione a tu per tu con Mirante, dopo aver eluso la marcatura deficitaria di Marcano.

Con il pass per gli ottavi già in tasca, la Roma ora tornerà nella nottata nella capitale, pronta per iniziare la preparazione della delicatissima sfida di campionato, in programma domenica sera all’Olimpico, contro il Genoa di Cesare Prandelli.

TABELLINO

VIKTORIA PLZEN (4-4-1-1):
 Hruška; Havel, Hejda, Hubník, Limberský; Kopic (71′ Petrzela), Procházka, Hrošovský, Kovařík; Čermák (81′ Horava); Chorý (87′ Reznicek). All. Vrba

ROMA (4-2-3-1): Mirante; Santon (75′ Florenzi), Manolas, Marcano, Kolarov; Nzonzi (81′ Lu. Pellegrini), Cristante; Under, Pastore (59′ Zaniolo), Kluivert; Schick. All. Di Francesco

Marcatori: 62′ Kovarik (V), 68′ Under (R), 72′ Chory (V)

Ammoniti: Limberský (V), Kluivert (R), Lu. Pellegrini (R)

Espulso: Luca Pellegrini per doppia ammonizione al 92′

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Auguri Francesco, capitano. Sono felice di essere doventato giallorosso sin dall'anno prima dell'ultimo scudetto. Ti ho visto crescere e maturare e..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il Principe è uno dei simboli storici della Roma. Una volta Falcao disse di lui a Liedholm: "La Roma con questo ragazzo ha il futuro garantito, dopo..."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni migliori della mia giovinezza. Ci è mancata solamente quella maledetta coppa dei campioni del 1984 e il cerchio si sarebbe chiuso in..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Un vero leader. Francesco era il più talentuoso, lui il più carismatico."

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Era e rimarrà sempre il mio unico Capitano."

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da News