Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Dirette

Conferenza Stampa, Di Francesco: “Domani molta attenzione alle ripartenze del Parma. L’obiettivo è il quarto posto, ma servono punti”

Il tecnico giallorosso alla vigilia della sfida contro il Parma: “Schick ha recuperato e sarà con noi, Dzeko può giocare dal primo minuto”.

Il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, ha risposto alle domande dei cronisti durante la conferenza stampa, alla vigilia del match con il Parma:

Come si affronta il Parma?: “Non dobbiamo dare spazio al Parma, Schick sta bene era solo un affaticamento”.

E’ d’accordo con Ancelotti, cioè di fermarsi quando ci sono i cori razzisti? “Io sto con Carlo (Ancelotti), condivido nella piena totalità, se lo Stato non è in grado di metter un freno, dobbiamo pensarci noi. Bisogna cambiare la cultura, deve cambiare lo stadio, bisogna essere duri e non accettare questi comportamenti, noi non li accettiamo”.

Dzeko titolare? “E’ pronto ma devo fare determinate valutazioni per capire chi partirà dal primo minuto”.

Come stanno El Shaarawy e Perotti? “Sono contento per Diego, ha fatto una grande partita, ma è un rischio fargli giocare una partita dietro l’altra, valuterò con lui, oggi non era al top. Stephan non ha ancora 90 minuti nelle gambe ma ha superato l’infortunio, potrebbe anche partire dal primo minuto”.

A centrocampo sta pensando a qualche soluzione alternativa? “Rimandiamo tutto dopo la sosta; Pellegrini secondo me sta bene e averlo a disposizione mi rassicura”.

La Roma ritrova Gervinho domani, come si contiene? “Ho chiesto alla società di comprare alcuni fucili (ride n.d.r.). Scherzi a parte, è un giocatore che dobbiamo limitare, dobbiamo leggere prima le situazioni ed evitare di fargli creare occasioni”.

D’Aversa è pescarese come lei, ci sono molto allenatori di Pescara come mai? “Intanto anche lui era un centrocampista, quindi siamo più intelligenti degli altri (ride n.d.r.). Battute a parte, è un ragazzo in gamba, si è conquistato la serie A con il lavoro e lo stimo molto”.

Quali sono i ruoli che devono essere ricoperti nel mercato? “Dipende da quello che il mercato offre, ma è prematuro farlo. Con Monchi abbiamo parlato poco di questo perchè ora servono i punti.”

L’obiettivo è il quarto posto? “Ci sentiamo in corsa, la classifica dice questo. Per me Roma Sassuolo è stata la miglior partita a livello tecnico, ci ha facilitato il fatto che il Sassuolo non si chiude, ma domani sarà una partita diversa: dobbiamo interpretarla in maniera differente”.

Sospendere una partita non da troppa visibilità a quelli che lo fanno? “Si pensa sempre di avere le soluzioni in mano, però bisogna fare qualcosa. Bisogna dare un segnale”.

Karsdorp? “Ha subito un colpo ieri, ma è un giocatore che tengo in considerazione”

Contro il Parma la pazienza può essere un’arma in più? “Ci vuole pazienza ma bisogna fare anche gol, dobbiamo essere bravi a forzare delle giocate e scardinare la loro linea difensiva”.

Come si gestisce Zaniolo? Ha pensato di farlo giocare con Pellegrini? “Per me possono coesistere, anche perché Pellegrini è un giocatore estremamente duttile, averli entrambi è una fortuna”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Dirette