Resta in contatto

Rassegna Stampa

Corriere dello Sport, Mancini: “Zaniolo è il talento del futuro, ma nessun paragone con Totti”

Il Ct della Nazionale: “Già in Under 19 aveva una fisicità diversa rispetto ai suoi compagni. Nazionale 2019? Attendo conferme da Pellegrini e Cristante

Il Ct azzurro Roberto Mancini, ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere dello Sport, in merito al suo lavoro con la Nazionale; il tecnico non ha potuto fare a meno di nominare anche Nicolò Zaniolo, reduce da un 2018 che lo ha visto sempre più protagonista: “Lo avevo seguito nell’Under 19, come Tonali. E mi accorsi che aveva delle qualità non comuni per un ragazzo così giovane, che si misurava ancora in Primavera. Rispetto agli altri aveva più fisico e più qualità. Zaniolo è il talento del futuro”. In merito ad un possibile accostamento a Francesco Totti, il Ct ha risposto: “Questo è il bello e il brutto di Roma, intesa come città… Un giorno è tutto nero, un giorno è tutto bianco. Poi esiste una via di mezzo. Per me lui non è un Totti ma un interno di sinistra o di destra che può realizzare molti gol. Tant’è vero che Di Francesco lo utilizza per attaccare: Zaniolo ha fisico, potenza e tiro. Sul futuro della Nazionale in questo 2019, Mancini ha dichiarato: “Attendo conferme dai romanisti Pellegrini e Cristante. Chi può avere delle speranze in futuro? La Roma ha giovani di prospettiva, il Napoli gioca benissimo, il Milan deve azzeccare almeno tre acquisti e l’Inter mi sembra la rivale più pronta”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa