Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Zaniolo, parla la mamma: “Alla Fiorentina il momento più difficile di Nicolò. Quando vidi Totti scoppiai a piangere”

La madre del centrocampista della Roma: “Sono romanista da quando ho 20 anni, Nicolò da piccolo tifava Juve, ma non è mai stato un tifoso sfegatato”

Francesca Costa, mamma di Nicolò Zaniolo, ha rilasciato un’intervista al portale de La Gazzetta dello Sport:

Qual è stato il momento più difficile nel percorso di crescita di Nicolò?
“Il momento più difficile è stato quando la Fiorentina ha chiamato mio marito per avvertirlo che Nicolò era stato tagliato dalla Primavera. Io scoppiai a piangere perché sapevo come avrebbe reagito mio figlio. Piangeva. Lo abbiamo visto star male. Poi Igor è stato lungimirante e lo ha portato via da Firenze. Perché la Viola avrebbe voluto girarlo a qualche società satellite. Ed è arrivata l’Entella. Quello è stato un bel periodo”

La sua squadra del cuore da bambino? 
Da bambino tifava Juventus ma non è mai stato un tifoso sfegatato”

Chi sono gli idoli di suo figlio?
“Il suo idolo era Kakà. Mi ha detto che ora il suo campione preferito è Modric”

Qual è il suo rapporto con la Roma?
“La tifo da quando ho 20 anni per le canzoni di Venditti e per Totti. L’ho sempre ammirato in campo, ma anche per la beneficenza che fa senza dire nulla”

Ha mai incontrato Totti? 
“L’ho visto la prima volta che siamo stati a Trigoria. E’ venuto da noi e io mi sono messa a piangere. Mi ha detto: “Ma che piangi per me?”. Io non riuscivo a parlare. Nicolò mi ha detto: “Ma che figure mi fai fare?” C’era anche mio marito Igor che si è messo a ridere”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News