Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Udinese, Carnevale: “Monchi ha fatto un gran lavoro. Le cessioni non dipendono da lui

L’ex attaccante della Roma, ora responsabile scouting dell’Udinese: “Indossare la maglia della Roma era il mio sogno. Monchi? Ha portato giovani molto promettenti”

Andrea Carnevale, ex giocatore della Roma negli anni ’90 ed attuale responsabile dell’area scouting dell’Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente Centro Suono Sport: “Indossare la maglietta della Roma era il mio sogno. Anche quando sono stato a Napoli, dove ho vinto tutto, pensavo alla Roma. Il primo anno sono stato fermato dalla vicenda del doping, ero partito bene, peccato. Sono 17 anni che lavoro con la famiglia Pozzo da talent scout, mi trovo benissimo e a loro devo molto. Nel mio lavoro c’è sempre chi mi precede, ora con Wyscout è più facile per tutti, per questo bisogna essere attenti. Poi le grandi squadre sono le grandi squadre, loro possono tutto. Noi siamo l’Udinese. Velazquez? Inizialmente ha mostrato un bel calcio, ma purtroppo non conosceva il calcio italiano, che è molto diverso da quello spagnolo. Noi principalmente lavoriamo per le grandi squadre, le riforniamo di talenti, questa è la nostra realtà e dà soddisfazione. Così come è stato bellissimo far crescere un fuoriclasse come Totò Di Natale. Infine Carnevale ha rilasciato alcune dichiarazioni sul lavoro del Direttore sportivo della Roma Monchi: “Per me ha fatto un gran lavoro, le cessioni credo che non dipendano da lui. I giovani che ha portato sono forti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News