Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 22 gennaio 1977: nasce Hidetoshi Nakata

Centrocampista centrale con propensione alla fase offensiva, è considerato il miglior giocatore asiatico di tutti i tempi.
Storico il suo gol contro la Juve nell’anno dello scudetto 

Il 22 gennaio del 1977, a Yamanashi in Giappone, nasceva Hidetoshi Nakata: centrocampista centrale, inizia la sua carriera in patria, al Bellmare Hiratsuka. Notato da Luciano Gaucci, allora Presidente del Perugia, il centrocampista fu portato in Italia tra la perplessità generale dell’ambiente: nella sua partita d’esordio con la maglia perugina segnò una doppietta contro la Juventus, e in pochi mesi riuscì ad affermarsi come una delle promesse più talentuose del campionato. La Roma riuscì a mettere le mani sul giocatore nella sessione invernale di mercato del 2000: pagato circa 30 miliardi di Lire, più il cartellino di Dmitrij Aleničev, nella prima stagione in giallorosso riuscì a collezionare 15 presenze e 3 gol. Ma è la stagione successiva, quella dello scudetto romanista, che lo consacrò definitamente: nonostante partisse come riserva di Totti, il centrocampista riuscì comunque a rendersi protagonista nella vittoria dello scudetto. Il 6 maggio del 2001, nella sfida al vertice tra Roma e Juventus, subentrò proprio a Totti, fino a quel momento poco incisivo. Il giapponese dapprima mise a segno il gol del momentaneo 1-2, con una fucilata da fuori area; poi, sempre con un tiro dalla distanza, favorì il tap-in vincente di Montella sulla respinta di van der Sar.

Dopo quella grande annata, il giapponese si trasferì a Parma, dove rimase per 3 anni, per poi passare prima al Bologna, poi alla Fiorentina, e infine al Bolton, dove decise di ritirarsi dal calcio a solo 29 anni. Di lui, oltre il gol e l’assist decisivi per la vittoria dello scudetto del 2001, si ricordano anche i suoi modi miti, tipici di una cultura così diversa dalla nostra, come è quella giapponese. Lo stesso Francesco Totti, nel suo libro “Un Capitano“, racconta la reazione del giapponese alla festa scudetto nello spogliatoio: “Canti e balli mi coinvolgono subito, brindo con tutti e resto stupefatto e divertito da Nakata che in quel caos si è seduto in un angolo e sta leggendo un libro. Un marziano”. Tanti auguri!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord