Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Pallotta furibondo. Di Francesco: «Non lascio»”

Decisioni contrastanti in casa giallorossa, Pallotta: «Via Di Francesco dopo Cagliari». Per Monchi resta il mister senza se e senza ma

Si ritorna a parlare portoghese e di Paulo Sosa, quando Di Francesco torna in bilico. Quando la Roma vuole farsi male, ecco che ritorna il 7-1. Sette gol subiti sono tanti e invitano Pallotta a rimediare, al di là delle smentite doverose. Il presidente ha la sua idea, da Cagliari addirittura, 8 dicembre: via DiFra. Monchi ne ha un’altra, da sempre: resta il mister senza se e senza ma. Di Francesco entra nella sala stampa del Franchi come se avesse preso un’altra dose di schiaffi: «Io non mi dimetto, nella mia testa non c’è questo tipo di pensiero. Ora c’è solo da chiedere scusa a tutti i tifosi per la prestazione vergognosa che abbiamo fatto. La lista degli errori è piena: ma mi dispiace di più che nella difficoltà si perde la testa. Questo non dimostra unione, ma il contrario. Quando si è squadra lo si deve essere anche quando le cose vanno male. Parliamo sempre di una Roma di giovani, ma non possiamo trovare alibi. Dobbiamo guardarci in faccia bene, per quella che è stata la prestazione. Non esiste puntare il dito su un cambio sbagliato, su una scelta. Siamo noi, insieme, compreso me, che dobbiamo capire che così non va e non può andare».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa