Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma-Porto, Pizarro: “La Roma ha le possibilità di passare il turno. Zaniolo? Mi auguro che rimanga qui per tanti anni”

L’ex centrocampista giallorosso: “Peccato per questo gol fortunato del Porto, ci ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Mi auguro che la Roma possa trovare un regista”

Tra i 50mila dell’Olimpico ieri sera in occasione della partita della Roma contro il Porto, c’era anche David Pizarro, ex centrocampista della Roma. Il giocatore è stato intervistato dal sito forzaroma.info, rilasciando le seguenti dichiarazioni:

Ieri era all’Olimpico per la partita. Che impressione le ha fatto la Roma?
La partita, come tutte quelle di Champions, è stata equilibrata e si deciderà sul particolare. Peccato per questo gol fortunato del Porto, ci ha lasciato un po’ di amaro in bocca. La Roma comunque ha la possibilità di passare il turno.

Zaniolo se lo aspettava così forte?
Sono già un paio di partite che lo vedo dal vivo all’Olimpico, ha qualità, voglia e l’umiltà dei grandi campioni che si sacrificano per la squadra. Mi auguro che la Roma se lo tenga per tanti anni, non so come la prenderebbe la piazza in caso di cessione. Non credo che gliela farebbero passare liscia…

Gliela darebbe la maglia numero 10?
Aspettiamo un po’, ha un peso importante, è una maglia storica. Il ragazzo deve dare continuità a quello che sta facendo ora. Sono convinto che continuerà a far bene, ma per la 10 aspetterei un pochettino perché ha un peso enorme e potrebbe non essere positivo per lui.

De Rossi fondamentale per la Roma, ma secondo lei manca un Pizarro vicino a lui?
La Roma è sempre stata abituata al regista, poi si sfruttava De Rossi un po’ più avanti, mandandolo al tiro. Mi auguro che possano trovare questo regista, la Roma è abituata a far partire da dietro la giocata. Pensavo potesse arrivare Torreira, mi è dispiaciuto sia andato all’Arsenal perché è un ruolo difficile da trovare. Mi piacciono Sensi, che ha personalità e regia, e Tonali. Sono giocatori che per la qualità del gioco e per la storia della Roma possono fare bene.

Si spiega perché la squadra va così bene in Europa, mentre in Italia fa più fatica?
Questo ti spiega quanto è duro il calcio italiano, non è quello di prima è vero, ma è sempre un calcio importante. Dopo l’anno scorso qualcosa si è perso e si sono persi punti importanti con squadre abbordabili. Con questi punti in più la Roma sarebbe tranquillamente in zona Champions per distacco. Sono due mesi che sto qua e sto vedendo molto calcio, e posso dire che con l’organico che ha la Roma, il minimo è qualificarsi in Champions. Rispetto alle altre la Roma è più forte.

Cosa fa a Roma in questo periodo?
Faccio un po’ il turista, mi godo Roma e vedo gli amici. Sono andato a salutare Bruno Conti, Vito Scala, Francesco Totti, Max Tonetto, Simone Perrotta, ci tengo tanto, l’amicizia è rimasta. Poi andare all’Olimpico è sempre un piacere per me.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News