Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma-Bologna, Soriano: “E’ mancato solo il gol”

Il centrocampista del Bologna Soriano parla ai microfoni dei cronisti presenti in zona mista al termine della sconfitta per 2-1 contro la Roma, queste le sue dichiarazioni:

SORIANO IN MIXED ZONE NEL POSTPARTITA

L’unica cosa mancata è stata il gol del primo tempo, quando una squadra crea così tanto vuol dire che c’è, è presente. Dispiace di aver sbagliato quei gol ma penso prima o poi debbano arrivare anche le soddisfazioni. Il mio primo pensiero è dare una mano alla squadra e qui lo stiamo facendo tutti, allenatore compreso. Pressiamo alto, giochiamo la palla, creiamo occasioni. Son stato poco con Inzaghi: sicuramente quando c’è un cambio di allenatore cambia l’aria e i giocatori si sentono messi in discussione, questo li stimola a rendere di più”.

Qual’è il tuo ruolo?
“Giocando più avanti mi capitano più occasioni, a me piace stare in questa posizione perché posso infilarmi negli spazi, giocare fra le linee, tirare in porta”.

La classifica?
“Adesso non dobbiamo guardarla. Dobbiamo solo stare tranquilli perché se continuiamo a giocare così alla fine della stagione saremo salvi.”

SORIANO A SKY SPORT DURANTE L’INTERVALLO

Due occasioni e una traversa…
Purtroppo la palla non è entrata, ho voglia di fare gol e per questo sono un po’ triste. Non dobbiamo abbassare la testa, stiamo giocando bene abbiamo avuto occasioni solo noi. Dobbiamo alzare la testa

Avete vinto molti duelli
Da quando è arrivato il mister abbiamo cambiato mentalità, vogliamo fare la partita in ogni stadio. Dobbiamo continuare così

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News