Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Social Network, le Iene sull’intervista di Zaniolo: “Facciamo domande con ironia!”

Tramite un post sulla pagine ufficiale di Facebook il programma di Mediaset specifica:”Facciamo delle domande un pò cazzone, ma con ironia!”

Non sembra avere fine la polemica generata dall’intervista a Nicolò Zaniolo e sua mamma Francesca al programma tv “Le Iene”: dopo i tanti commenti di insulti e minacce indirizzati a Nicolò Devitiis, autore dell’intervista, e dopo lo striscione comparso a Campo Testaccio, tramite la pagina Facebook ufficiale del programma si legge: “Un mega abbraccio al nostro Nicolò De Devitiis che è stato addirittura minacciato per il servizio al campione della Roma Zaniolo. E noi de Le Iene facciamo sempre domande un po’ cazzone, ma con ironia!”. Sul post anche la risposta della mamma di Nicolò Zaniolo, Francesca: “Mio figlio è il riflesso di quello che gli ho sempre insegnato. So che non dovrei giustificarmi, so che si parla mossi da mille cause e mi spiace che vi facciate dei problemi sulla mia condotta di vita più o meno conforme a quelle che sono le vostre idee”. Le critiche però sono state fatte anche contro di lei e come ha risposto alle domande della Iena. “Quando giudicano il mio essere mamma perché prendo a ridere un’intervista che è satirica e un po’ pungente o perché posto foto che milioni di persone comuni postano rispondo che potrebbero fare le madri o i padri”, aggiunge Francesca. “Io non perderei mai il mio tempo così, ma l’invidia o la cattiveria non ha mai fatto parte del mio essere”. Intanto stasera la trasmissione ritornerà sull’intervista di Zaniolo, mentre Nicolò Devitiis ha dovuto chiudere la pagina di Instagram a causa degli insulti ricevuti.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News