Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Frosinone-Roma, El Shaarawy: “Ci abbiamo creduto fino alla fine. Devo avere più coraggio nell’uno contro uno” (VIDEO)

Le parole del numero 92 al termine del match dello Stirpe

Al termine del match contro il Frosinone, ha parlato Stephan El Shaarawy:

El SHAARAWY A SKY SPORT

Molto vento nell’ultima azione? Sì, era un po’ difficile controllare la palla che mi arrivava, ma per fortuna ci sono riuscito e l’ho messa dentro per Edin che ha segnato un gol pesantissimo. Una vittoria di cuore, ci abbiamo creduto fino alla fine, ce la prendiamo tutta. Sul tipo di calcio espresso? Dobbiamo migliorare, però sapevamo che non era un campo semplice, con un ambiente che non aiutava e molto nervosissimo. Siamo stati bravi a ribaltare il risultato nel primo tempo, potevamo chiuderla anche nella ripresa ma alla fine siamo contenti di averla portata a casa. È chiaro che non si può arrivare sempre fino alla fine in queste condizione, perché non sempre le vinci ma prendiamo il lato positivo: magari prima questo tipo di gare le pareggiavamo. Se ho fatto il salto di qualità? Sento di essere cresciuto, aver trovato più continuità che è quella che mi mancava. Ho acquisito consapevolezza, giocando più spesso, fisicamente mi sento bene. Ho cambiato anche il modo di attaccare lo spazio, credendoci su ogni pallone. È la mia caratteristica migliore. Dovrei avere un po’ più di coraggio nell’uno contro uno“.

El SHAARAWY A ROMA TV

Mi sento bene fisicamente, poi è chiaro che giocando acquisisci più fiducia. Non era facile venire qui e vincere, siamo stati bravi a ribaltare il risultato e poi a tornare in vantaggio. Ci abbiamo creduto fino alla fine. L’azione del gol la ripetiamo spesso, Daniele mi ha visto con la coda dell’occhio e sono andato in profondità. Non è stato facile metterla in mezzo per un gol pesante. A volte ci manca la lucidità nel partire da dietro, anche il campo non era perfetto. Poi ci sono errori nostri come il gol del 2-2. Però prendiamoci questi tre punti, arriviamo al derby carichi. Pensiamo a una partita alla volta, è una frase scontata ma è così. Nazionale? Spero nella chiamata di Mancini“.

EL SHAARAWY IN ZONA MISTA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News