Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Roma eterna convalescente

I giallorossi hanno raccolto 20 punti nelle ultime 8 partite di A, ma il gioco latita

Come la guardi, e non solo in campo, la Roma rimane divisa in due. E la mancanza di unità, non c’entra il rapporto tra l’allenatore e i giocatori o quello tra gli stessi calciatori, non dà garanzie per il presente e, probabilmente, nemmeno per il futuro. I risultati da una parte, le prestazioni dall’altra: la spaccatura è nella differenza che esiste tra il raccolto e il gioco. Abbondante da dopo Natale il primo, spesso sciatto il secondo. I giallorossi, dal 26 dicembre, hanno conquistato gli stessi punti della Juventus che detta legge in serie A: 20 punti, con la serie utile di 8 match (6 vittorie e 2 pari). Ma proprio nelle più recenti gare di campionato, lunedì scorso contro il Bologna terzultimo e sabato sera contro il Frosinone penultimo, hanno conquistato 3 punti e ancora nemmeno loro sanno come hanno fatto. O meglio, la risposta c’è: il singolo che incide più del collettivo. Mihajolvic e Baroni si sono arresi solo per questo davanti a Di Francesco che proprio non riesce a mettere fine alla lunga convalescenza del gruppo. Che vive sull’individualità: Dzeko, Zaniolo e i difensori Kolarov e Fazio.

La Roma, insomma, è lì, vicina al Milan che è in vantaggio di 1 punto (e negli scontri diretti). E all’Inter (adesso, dopo il pari di Firenze, è a +3). Ma non dà alcuna certezza nella corsa al 4° posto. E ripropone con una certa frequenza i soliti vizi e i vecchi difetti. Sbaglia l’approccio, incassa sempre gol per distrazione o per sufficienza, è lenta e sciatta nel palleggio, perde l’equilibrio e la compattezza a prescindere da chi ha di fronte. Anzi, quando affronta rivali di bassa classifica, va in cortocircuito: nel girone d’andata ha lasciato 13 punti perdendo contro il Bologna, l’Udinese e la Spal e pareggiando contro il Chievo e il Cagliari. Solo in Europa si ritrova, come se i riflettori della Champions dovessero ricordare a questi giocatori il percorso da grande che la proprietà USA ha voluto per loro, come dimostrano gli ingaggi da top player che ora lo stesso Pallotta non è più disposto a concedere. Coppa e campionato, la bipolarità è inquietante. Confermata anche quando si tocca il fondo in Serie A o, come è successo il 30 gennaio a Firenze, in Coppa Italia. Improvvisamente si riaccende e anche Di Francesco non sa perché. “Incomprensibili” le montagne giallorosse.

Nessun alibi per il possibile addio (tra l’altro, a fine stagione) di Monchi, suo principale punto di riferimento: l’allenatore, nella periodo cruciale della stagione (il derby e il Porto, le prossime 2 partite), è chiamato a dare un senso alla Roma. Che non ha più una traccia. E, invece di giocare a memoria, va a braccio o, in alcune fasi dei match, fa scena muta. Manca la formazione base: 34 diverse in 34 partite. Anche se all’allenatore, come del resto a diversi suoi colleghi, non piace la divisione tra titolari e riserve, ne vanno scelti 13-14 su cui puntare. Senza escludere nessuno, ma puntando sui migliori del momento. Gli infortuni hanno penalizzato il coro. Che però stona a priori: lo spartito e gli interpreti non sono mai gli stessi. Il sistema di gioco non è il problema, ma il ballottaggio tra il 4-2-3-1 e il 4-3-3 disorienta chi va in campo.

Solo in 5 delle 25 partite del campionato la Roma non ha incassato reti: quasi da zona retrocessione. Non è vulnerabile la difesa, ma la squadra. Che con il 4-2-3-1, se manca la registrazione tra reparti, si allunga e diventa sbilanciata e scoperta. Ma se è questo l’assetto giusto, bisogna andare oltre Dzeko. Il copione migliora anche il campione. E si va sul sicuro

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa