Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Il derby si gioca di sera: scatta l’allerta scontri

In arrivo anche tifosi di altre squadre europee

Chi vincerà il derby della Capitale non si sa, ma finora la palla in rete l’ha messa sicuramente Dazn, la pay-tv si è aggiudicata del “diritto” di trasmettere Lazio-Roma di sabato in prima serata, alle 20.30. La partita bollata come «ad alto rischio» dalla Questura dunque si giocherà in notturna come da calendario prestabilito. Così è stato deciso, ieri mattina, nella riunione del Comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico che non ha riscontrato criticità tali da comportare l’anticipo del match.

Domani si svolgerà il tavolo tecnico operativo che predisporrà la macchina della security per il derby, seguendo anche le indicazioni del Gos, il Gruppo operativo sicurezza. Un migliaio gli agenti tra poliziotti, carabinieri e finanzieri, che saranno schierati attorno all’Olimpico. Occhi puntati anche sulle vie del Centro dove potrebbero riversarsi “cani sciolti” e ultrà stranieri gemellati diretti nei pub o negli alberghi. In Curva Nord è atteso l’arrivo degli spagnoli del Real Madrid, in omaggio all’amicizia suggellata coi biancocelesti, protagonisti di analoghe trasferte in terra spagnola. E gruppi gemellati sono dati in arrivo dalla Bulgaria (Levski Sofia) e dalla Polonia (Legia Varsavia) per la Lazio e dalla Spagna (Atletico Madrid), dall’Inghilterra (Southampton) e dalla Grecia (Panathinaikos) per la Roma. Sugli spalti sono attesi circa 45mila spettatori, di cui 30mila laziali. Ieri erano 12mila i tagliandi acquistati dai giallorossi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa