Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Numeri impietosi per uno Stadio Olimpico che vale un pezzo di Champions

Day

Non si arriverà a 50 mila spettatori

C’era una volta il derby da tutto esaurito. Quello dell’Olimpico strapieno con addirittura le scale d’accesso usate come posti. Tempi andati che, visto il trend, difficilmente torneranno. Stasera non si arriverà a 50 mila spettatori, di cui 12 mila romanisti. Praticamente meno di Milan-Sassuolo che, oggi alle 18, avrà 65 mila presenze. Numeri impietosi per un derby che vale un pezzetto di Champions League. E se si prendono i numeri degli incroci fratricidi all’estero il declino Capitale si fa ancora più nitido: oltre 93 mila hanno assistito al Clasico Barça-Realdel 28 ottobre scorso e in 60 mila a City-United dell’11 novembre, giusto per citarne un paio.

Come riporta Il Messaggero, a Roma si è persa l’abitudine di andare allo stadio. E questo ha finito per togliere anche quella magia mista ad ansia tipica di un derby, l’aria è meno frizzante. Il risultato: spazi vuoti che gridano vendetta. Un peccato perché Lazio-Roma o Roma-Lazio meriterebbero un impatto decisamente diverso. La Nord si colorerà solo di sciarpe e bandiere: niente scenografie. La Sud, invece, dopo lo spoiler dei giorni scorsi, ha cambiato il telone. Niente più lupa, soggetto top secret. L’allarme per possibili incidenti è alto: livello 4. Saranno un migliaio gli agenti che presidieranno l’area.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa