Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, Di Francesco e Inzaghi non possono sbagliare

“Florenzi e De Rossi possono aiutare i compagni”

Strana la vita. Un emiliano e un abruzzese, stasera, avranno in mano il cuore di Roma. Simone Inzaghi ed Eusebio Di Francesco però non si scompongono, anche perché già da calciatori sapevano che il derby è una bestia dolce e terribile da domare.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, Di Francesco mastica dubbi, anche perché all’orizzonte c’è la partita decisiva contro il Porto,stasera si può agganciare l’Inter. La prima scelta, infatti, sarà quella sull’utilizzo di De Rossi: «La partita più importante è la prima, il derby. Non possiamo ragionare troppo avanti.

Ad oggi sta bene ed è migliorato tantissimo». Meglio così, anche perché lo zoccolo duro romano e romanista potrebbe essere un’arma: «È importante. A volte ti può togliere o ti può dare. I romani, parlo di Florenzi e De Rossi, hanno tanta esperienza, credo che possano aiutare i compagni più che togliere qualcosa».

Le incertezze ci sono anche perché DiFra ieri ha davvero blindato Trigoria: «Il modulo? Ci sono vantaggi e svantaggi in entrambi». Il segreto perciò forse è un altro. «Ci vogliono cuore e testa, ma mettiamo davanti il cuore e dietro la testa». Più o meno la stessa frase di ieri scritta da Monchi sui social. Sentimenti da derby.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa