Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Memorandum Figc-Cina, Gravina: “Quello che è avvenuto oggi è un momento storico”

Il numero una della Figc: “E’ un rapporto di collaborazione che può portare a risultati straordinari. Non possiamo rimanere chiusi al nostro mondo”

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha commentato il memorandum di collaborazione firmato oggi a via Allegri con il numero uno del ministero della Comunicazione della Cina, Shen Haixiong: “È la prima volta che un ministro dal peso politico così rilevante nel suo Paese è voluto entrare in stretto contatto con il nostro mondo e già questo è un evento storico. In virtù dell’accordo, sono previsti tra il calcio italiano e la Cina scambi culturali, rapporti di massima collaborazione nella medicina sportiva, nella formazione degli arbitri con il riferimento al Var, interscambio di giocatori e allenatori”.

Il presidente federale ha quindi sottolineato che si tratta di “un memorandum, un progetto, una convenzione che racchiudere tantissime opportunità per il nostro mondo e la Cina. Può essere un rapporto di collaborazione che può portare a risultati straordinari. Non possiamo rimanere chiusi al nostro mondo, ma aprirci a un mondo che rappresenta un miliardo e mezzo di soggetti interessati. Dico ai cinesi di seguire sempre di più il calcio italiano – il messaggio di Gravina, intervistato dalla China Central Television – a noi ci inorgoglisce e stiamo lavorando per migliorare ancora di più i nostri rapporti. La firma di questo memorandum va in quella direzione. Chiediamo ai cinesi di venirci incontro e seguirci sempre di più”.

“La Serie A in Cina? Ora possiamo parlare di amichevoli, gare di calcio femminile e anche della Nazionale nella speranza che il regolamento internazionale possa cambiare per consentire anche gare di campionato. Ci sono divieti e blocchi a livello di Fifa, sicuramente avvieremo un percorso dal calcio femminile, qualche amichevole e la Nazionale. Per noi la Cina è un mercato di grandissimo riferimento e il calcio non può rimanere chiuso nei suoi confini”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News