Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Stadio, i dubbi del M5S: si torna a votare sui lavori”

Il Comune ha chiesto come riportare la delibera del “pubblico interesse” in Assemblea

Per evitare altri inciampi nel pantano dello stadio, i 5 Stelle bussano di nuovo alla porta dell’Avvocatura Comunale. Come scrive Il Messaggero, ai legali del Campidoglio, la pattuglia grillina stavolta ha chiesto se e come riportare in Assemblea la delibera che aveva conferito il “pubblico interesse” al progetto Tor di Valle, insomma l’atto messo ai voti, era il giugno 2017, da Marcello De Vito. Obiettivo: ripetere la votazione. È il tentativo di “blindarsi” in una vicenda impazzita e dagli esiti imprevedibili. A spingere i grillini a ridiscutere il primo “sì” all’operazione calcistico-immobiliare sono considerazioni di carattere tecnico, oltre che politico. Il provvedimento sul pubblico interesse potrebbe risultare in qualche modo “inficiato” dal fatto che a portarlo in Aula, materialmente, sia stato De Vito. Agli esponenti M5S è stato detto che quella delibera potrebbe essere contestata in Tribunale, “su ricorso di terzi”, nel caso in cui si arrivasse a una condanna di chi l’ha approvata. Ipotesi remota, ma c’è. Ecco allora l’idea di un voto bis. Resterebbe poi da superare l’ostacolo della convenzione, cioè il patto tra Comune e proponenti. Al momento l’intesa non c’è. Non c’è accordo su svariati punti: l’unificazione dell’Ostiense-Via del Mare, la tribuna del vecchio ippodromo da ricostruire, i 45 milioni per la mobilità da versare in un’unica tranche, così chiede il Campidoglio, la clausola che legherebbe l’apertura dello stadio al potenziamento effettivo dei trasporti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa