Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 2 maggio 2018: la Roma batte il Liverpool ma manca l’approdo alla finale (VIDEO)

Dopo la sconfitta dell’andata i giallorossi provano la seconda rimonta che però sfuma per una sola rete

Il 2 maggio del 2018 la Roma riceve il Liverpool allo Stadio Olimpico per la semifinale di ritorno di Champions League. Stadio pieno in ogni ordine di posto e match che registra il più alto incasso per una squadra italiana. La Roma, dopo il miracoloso 3-0 rifilato al Barcellona, è chiamata a un altra rimonta con lo stesso risultato dopo il 5-2 subito a Anfield. La partita inizia subito in salita perché al 9′ un errore di Nainggolan spalanca la porta allo 0-1 di Mané. Al 15′, però, la squadra di Di Francesco pareggia grazie a un autogol di Milner in stile Paolo Negro nel derby. Il pari giallorosso dura però solamente dieci minuti perché a 25′ Wijnaldum pareggia di testa sfruttando una dormita della difesa della Roma e un’uscita incerta di Alisson. La reazione giallorossa è affidata a una conclusione a giro di El Shaarawy che si stampa sul palo

Nella ripresa, al 49′, il primo episodio controverso della gara con Dzeko, fermato per un fuorigioco inesistente, che viene steso da Karius in area. Sarebbe stato calcio di rigore, primo errore grave di Skomina. I giallorossi, comunque, riescono a segnare subito il 2-2: Karius respinge una conclusione di El Shaarawy e Dzeko raccoglie la sfera e la insacca. Poi è il momento del secondo errore da matita rossa dell’arbitro che non ravvisa un tocco di mano nettissimo da parte di Alexander-Arnold su tiro a botta sicura di El Shaarawy. Manca il secondo rigore di serata ai giallorossi e, soprattutto, il rosso al numero 66 del Liverpool. Nei minuti finali arrivano le due reti che aumentano i rimpianti, entrambe siglate da Radja Nainggolan: al minuto 86′ insacca con un perfetto collo-esterno da fuori area, al 94′ segna il calcio di rigore (il meno netto della gara) che vale il 4-2, a una sola rete dai supplementari. La Roma chiude una cavalcata fantastica in semifinale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord