Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “De Rossi-Roma, una storia chiusa”

“Il romanismo è importante ed è in mani salde con Lorenzo e Alessandro”

Dà appuntamento alla sua gente De Rossi e come sempre allo stadio. Non il 26 maggio, giorno in cui si sfilerà la maglia della Roma per l’ultima volta: “Mi vedrete tra voi, magari intrufolato anche in un settore ospiti, con una birra e un panino. A tifare per i miei amici“. Lunedì si è trovato fuori dal cancello di Trigoria, costretto o accompagnato conta poco, di sicuro non di sua volontà: “Lo varcai per la prima volta a undici anni, la mia macchina ormai ci arriva da sola“. A comunicare la decisione è stato Fienga che ha proposto: “Mi avrebbe fatto comodo avere un vice come lui nel prendere le decisioni in un contesto nel quale l’azienda si è resa conto di dover cambiare e correggere le scelte fatte nel recente passato per consentirci di ripartire. E’ dirigente da un bel pezzo, lui non vuole dirlo. Preferisce ancora giocare e lo rispettiamo“. Il Capitano ha detto no: “Mi sono sentito calciatore tutto l’anno nonostante i problemi fisici. Mi farei un torto se smettessi ora. Mi immaginavo zoppo con i cerotti che chiedevo di finire e loro di continuare, non è andata così, ma devo accettarlo sennò mi faccio male da solo. E vado avanti“. Nessun rimpianto in carriera per lui: “Non tornerei mai indietro e non cambierei una virgola sulla decisione di restare sempre fedele alla Roma”, aggiunge: “Il romanismo è importante ed è in mani salde con Lorenzo e Alessandro“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa