Resta in contatto

Prima Squadra

Sassuolo-Roma 0-0: i giallorossi dicono addio alla Champions

I giallorossi di Claudio Ranieri sono ospiti degli emiliani per l’ultima trasferta della stagione


Dopo giorni di proteste in seguito all’annuncio della società di non voler rinnovare il contratto a Daniele De Rossi, per la Roma è arrivato il momento di ripartire e dare tutto per ottenere i tre punti con il Sassuolo, fondamentali per occupare momentaneamente la quarta posizione, in attesa degli incontri di Inter, Milan e Atalanta.

La Roma è imbattuta nelle 11 sfide in Serie A contro gli emiliani ed ha vinto in tutte le 5 partite disputate al Mapei Stadium, realizzando 11 gol e subendone solo uno. Nelle ultime sette gare di campionato, i giallorossi hanno ottenuto 4 vittorie e 3 pareggi, dopo una serie di due sconfitte consecutive. Dopo tre trasferte in cui ha segnato tre gol, la squadra di Claudio Ranieri non ha mai realizzato più di una rete nelle ultime cinque gare esterne (quattro gol in cinque gare – 1 vittoria, 2 pareggi, 2 sconfitte).

Per quanto riguarda gli emiliani, invece, non hanno mai ottenuto una clean sheet negli 11 precedenti in Serie A contro la Roma (23 reti incassate). La squadra di Roberto De Zerbi, che arriva alla sfida contro i giallorossi dopo la sconfitta contro il Torino,  ha pareggiato quattro delle ultime sei partite di campionato.

A Reggio Emilia, la Roma giocherà la penultima gara della stagione. Persistono alcuni dubbi sul modulo che utilizzerà Claudio Ranieri, con il 4-2-3-1 in vantaggio: con Mirante in porta, fasce affidate a Florenzi (destra) e Kolarov (sinistra), con Jesus in vantaggio su Marcano per affiancare Fazio. A centrocampo, confermato il trio visto contro la Juventus, ossia Cristante-Nzonzi-Zaniolo, con il recuperato Pellegrini e capitan De Rossi disponibili solo a gara in corso.
Nel tridente, invece, Ünder dovrebbe spuntarla su Kluivert, andando a completare il reparto con Dzeko ed El Shaarawy.

De Zerbi ha dichiarato che schiererà la miglior formazione possibile, schierando il consueto 4-3-3, composto da Consigli tra i pali e difesa con Lirola, Demiral, Ferrari e Adjapong. In mezzo, complice l’assenza dell’ultim’ora di Sensi (operato alla mano), ci saranno Locatelli, Magnanelli e Duncan. Infine, il tridente sarà formato da Berardi, Boga e uno tra Di Francesco e Djuricic, con il figlio dell’ex tecnico giallorosso leggermente avanti.

L’arbitro dellasfida sarà Fabio Maresca che conta quattro precedenti come direttore di gara dei neroverdi, che con lui non hanno mai vinto. A ruolino ci sono infatti, tre sconfitte e un pareggio, ottenuto il 24 febbraio scorso in casa contro la Spal (1-1).
Al contrario, con lui la Roma non ha mai perso. In cinque precedenti tra Serie A e Coppa Italia, i giallorossi hanno raccolto tre vittorie e due pareggi nelle gare da lui arbitrate (senza mai subire più di un gol). L’ultima volta risale all’11 marzo scorso, in Roma-Empoli 2-1.

Il match tra Sassuolo e Roma sarà trasmesso in esclusiva e in diretta streaming dalla piattaforma DAZN.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Lirola, Demiral, Ferrari, Rogerio; Locatelli, Magnanelli, Duncan; Djuricic, Berardi, Boga
Allenatore: Roberto De Zerbi

ROMA (4-3-3): Mirante; Florenzi, Fazio, Jesus, Kolarov; Cristante, Nzonzi, Zaniolo; Ünder, Dzeko, El Shaarawy.
Allenatore: Claudio Ranieri

LIVE

19.27 – L’account Twitter del Sassuolo conferma le scelte di De Zerbi

19.20 – La Roma arriva al “Mapei Stadium

 

18.54 – I giallorossi lasciano l’hotel e si dirigono verso lo stadio

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra