Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “L’ultimo dribbling contro l’ambiguità”

“Totti dice basta agli equivoci e alle parole non dette”

Soltanto il tempo ci dirà a chi ha fatto realmente comodo arrivare a questa soluzione: Totti lascia la Roma. Due anni dopo aver attaccato gli scarpini al chiodo, l’ex capitano ha deciso, spinto a farlo, di mollare il club.

Non se la sente più di continuare ad essere soltanto un vessillo da esporre a secondo delle occasioni e delle necessità di PallottaTotti dice basta agli equivoci, alle parole non dette, ai compiti mai ricevuti, dice basta alle ambiguità di una società che ha un proprietario negli States e il dirigente più influente, più potente, a Londra, e neppure nell’organigramma ufficiale.

Saluterà a 18 anni precisi dalla conquista del terzo scudetto e la scelta di parlare con l’Olimpico sullo sfondo non può essere casuale. Scegliere di non parlare a Trigoria è un segnale chiarissimo: lì ormai si sente un estraneo. Oggi la Roma avrebbe bisogno di tutto tranne che di un altro shock emotivo. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Auguri Francesco, capitano. Sono felice di essere doventato giallorosso sin dall'anno prima dell'ultimo scudetto. Ti ho visto crescere e maturare e..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il Principe è uno dei simboli storici della Roma. Una volta Falcao disse di lui a Liedholm: "La Roma con questo ragazzo ha il futuro garantito, dopo..."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni migliori della mia giovinezza. Ci è mancata solamente quella maledetta coppa dei campioni del 1984 e il cerchio si sarebbe chiuso in..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Un vero leader. Francesco era il più talentuoso, lui il più carismatico."

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Era e rimarrà sempre il mio unico Capitano."

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa