Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Stadio e addio di Totti, fronte anti Pallotta. Mercoledì nuovo vertice su Tor di Valle”

Il progetto stadio su un binario morto e le contestazioni dei tifosi sulla scia dell’addio di Totti

Rischia di essere una settimana complicata per James Pallotta. Il patron dell’AS Roma sull’operazione Tor di Valle ha puntato tutto, ma il fronte del «no» si allarga sempre di più. Anche i tifosi ormai si dicono contrari all’impianto, lo scrivono sugli striscioni e lo gridano in coro. Potrebbero farlo anche oggi, quando un gruppo di ultrà dovrebbe riunirsi davanti al palazzo del Coni, dove Francesco Totti in conferenza stampa ufficializzerà il suo addio ai giallorossi da dirigente.

Dopodomani riprendono gli incontri al Comune sul nuovo stadio. Vertice tecnico, tra il vicepresidente della Roma, Mauro Baldissoni, e i dirigenti del dipartimento Urbanistica. La distanza tra i privati e il Campidoglio resta marcata. Palazzo Senatorio chiede che siano rispettate alla lettera le prescrizioni della delibera che ha concesso il “pubblico interesse” al progetto. E cioè che le opere pubbliche previste siano completate e funzionanti «contestualmente» alla prima partita. I proponenti invece non vorrebbero troppi vincoli, temono che la malandata ferrovia Roma-Lido non arrivi mai ai «16 treni l’ora» promessi nel 2017 (cioè una corsa ogni tre minuti e mezzo) e diffidano che l’unificazione dell’Ostiense-Via del Mare possa procedere a passo spedito.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa