Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Tempo, “Roma. Almendra più vicino”

Dopo aver acquistato tre giocatorivenduto Marcano al Porto e aver salutato Manolas e Luca Pellegrini, continua la rivoluzione Roma

Restano in ballo i nomi di Mancini e Alderweireld, concreta l’ipotesi Almendra che sembra aver scavalcato Veretout nel gradimento giallorosso. Presentata un’offerta al Boca Juniors da 16 milioni di euro per il centrocampista classe 2000.

Gli argentini pretendono il pagamento dell’intera clausola da 26,7 milioni ma potrebbero aiutare i buoni rapporti con l’ex romanista Burdisso, ora dirigente al Boca. Ieri sono ripresi anche i contatti tra Roma e Atalanta per Mancini, l’obiettivo è di abbassare la valutazione a circa 26 milioni bonus compresi, con la formula del prestito con obbligo di riscatto.

Oggi a Londra Baldini proverà a capire se il presidente del TottenhamDaniel Levy, è disposto a fare uno sconto sulla clausola rescissoria di Alderweireld (valida fino al 27 luglio) di 30 milioni pagabili in tre rate entro due anni. Congelati per il momento Nkoulou e Lyanco, si attende il rilancio dell‘Inter su Dzeko per il possibile assalto a Higuain.

I prossimi a salutare, dopo il ritorno di Marcano al Porto, potrebbero essere Gerson e Defrel. Per il brasiliano c’è un accordo con il Flamengo vicino ai 10 milioni più percentuale di rivendita, Defrel invece è vicino al Cagliari.

Dopo il prestito del Primavera Celar al CittadellaCangiano potrebbe essere mandato a Sassuolo in un affare con cui la Roma riprenderebbe Frattesi. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa