Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Diawara: “Voglio aiutare la Roma. L’obiettivo è la Champions” (FOTO/VIDEO)

La presentazione del guineano classe ’97

 

Amadou Diawara, neo acquisto della Roma, ha parlato ai cronisti presenti in conferenza stampa:

Parla Morgan De Sanctis: “Diawara lo conoscete, ha sempre giocato in Italia. Siamo felici sia qui, è giovane. Abbina qualità a interdizione. Siamo convinti possa dare un grande contributo alla Roma. I numeri dell’operazione lo testimoniano, è stato voluto dalla Roma“.

Benvenuto. Hai giocato molto spesso in un centrocampo a 3 e a 2. Dove ti trovi meglio?
“Sicuramente a tre sono abituato al meglio. Ma l’importante è giocare e fare quello che chiede il mister e aiutare la squadra”.

Come stai? Hai rinunciato a molti giorni di vacanza. La Coppa d’Africa ti ha aiutato?
“Ho tagliato le vacanze per tornare prima e conoscere i compagni e l’allenatore. Mi aiuterà sicuramente a non lasciare le partite che avevo nelle gambe in Coppa d’Africa. Io sto molto bene e penso di riuscire a stare al meglio già nell’allenamento di oggi”.

Qual è l’obiettivo minimo della Roma? Che differenza c’è tra Napoli e Roma?
“Dobbiamo fare di tutto per andare in Champions, è quello l’obiettivo. Sono entrambe grandi squadre, ma sono convinto che possiamo fare una grande stagione”.

Pensi che il passaggio dal Napoli alla Roma possa farti crescere? La Roma è un punto d’arrivo?
“Io sono arrivato qui motivato, so di essere in una grande squadra. Non lascerò mai niente, darò tutto per aiutare la squadra ad arrivare dove merita”.

Perché hai scelto il Napoli dopo il Bologna e non la Roma?
“Non sono venuto perché era la volontà di Dio. Non importa, ora sono motivato e voglio fare bene”.

Che cosa vuole da te Fonseca?
“Vedendo le squadre che ha allenato è importante il centrocampo, perché vuole sempre uscire palla al piede. La chiamata del mister è stata un’emozione, sono onorato di essere allenato da lui”.

Com’è nata la trattativa? La Roma ti avrebbe preso al di là di Manolas, secondo te?
“Penso di sì. L’allenatore mi voleva, sono stato molto cercato dalla società, che ringrazio per la fiducia. Spero di poterla ripagare al meglio”.

Che pensi di poter regalare ai tifosi della Roma?
“Io sono venuto già all’Olimpico, ho visto i tifosi sugli spalti che mi hanno fatto impressione. Io posso solamente dirgli che darò il massimo ad ogni allenamento ed in ogni partita per dargli soddisfazioni”.

Paul Put ha detto che somigli a Kanté: ti ci rivedi? 
“Non lo so, lui è di altissimo livello, non posso dire se somiglio a lui. Il mio idolo è Yaya Touré, gli altri sono di altissimo livello, ma io vedo più lui che altri”.

A Roma a centrocampo hanno giocato Nainggolan, Strootman e De Rossi prima di te. Può essere un’eredità scomoda?
“Sono giocatori veramente forti, li ho visti giocare e li ho affrontati da avversari. Io sono ancora giovane e spero di dare il massimo in ogni allenamento ed in ogni partita per fare quello che hanno fatto qui, se non superarli”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa