Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA SLR, Defendi: “Giocare contro la Roma è sempre un’emozione unica”

Il centrocampista e capitano della Ternana: “Anche se solo in un’amichevole, sfidare una delle squadre più blasonate d’Italia è per noi un test importantissimo”

La Roma si avvicina ad un sabato impegnativo. Nella giornata di domani la squadra di Paulo Fonseca affronterà due amichevoli, con il Rieti la mattina e con la Ternana nel pomeriggio. A tal proposito la nostra redazione ha raccolto in esclusiva le parole di Marino Defendi, centrocampista e capitano delle fere rossoverdi.

Da portavoce dei tuoi compagni, c’è emozione nel giocare una gara contro la Roma?
Sicuramente, anche perché parliamo di una delle squadre più blasonate d’Italia. Giocare partite del genere, anche se sono amichevoli, è sempre una grande gioia.


Come vedi questa nuova Roma?
Credo che il lavoro che si sta facendo abbia una logica, stanno preparando una squadra forte, che sia in grado di giocarsi le coppe e il campionato.

Domani darete tutto per dimostrare le vostre capacità?
Per noi è un test importantissimo, sia per valutare la nostra condizione fisica dopo il ritiro, sia per mettere in campo il lavoro tattico che abbiamo provato in questo periodo. Fare tutto questo con una squadra di caratura importante come la Roma è fondamentale per noi.

Quali sono gli obiettivi della Ternana per la prossima stagione?
Vogliamo giocarci tutto partita dopo partita, per dimostrare a tutti il nostro valore. Abbiamo una rosa nuova ma la cosa positiva è che siamo partiti per il ritiro con il 90% del gruppo completo, ciò ti da una spinta in più. Cercheremo di fare un campionato all’altezza, per arrivare il più in alto possibile.

Ti vedremo in campo dal primo minuto domani?
Non lo so (ride n.d.r.), vedremo cosa sceglierà il mister.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Esclusive