Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma-Rieti, Santon: “Queste gare ci fanno bene. Dobbiamo continuare su questa strada”

Il terzino giallorosso: “Abbiamo iniziato con un tempo sulle gambe, ora siamo arrivati a farne 75. Ci aspetta una stagione importante”

Al termine della vittoria contro il Rieti, è intervenuto ai microfoni di Roma TV Davide Santon. Queste le sue parole:

Vittoria e fascia al braccio oggi…
La fascia è sempre un piacere, anche se è solo un’amichevole. Poi porta fortuna perché ho fatto anche gol.

Questa partita arriva nel momento di massimo carico della vostra preparazione. E’ stato un test importante…
Si, stiamo lavorando veramente duro, si vede che siamo tutti ancora un po’ stanchi, però queste partite ci fanno bene. Abbiamo iniziato con un tempo sulle gambe, ora siamo arrivati a farne 75. Dobbiamo continuare su questa strada, allenarci forte perché ci aspetta una stagione importante. Dobbiamo rispondere alla grande.

Come va il livello di apprendimento?
Bene. Ovviamente in tre settimane è difficile imparare tutto, però ci stiamo mettendo tutto per capire ciò che vuole il mister.

Vi fa stare tranquilli avvicinarvi al minutaggio partita?
Si, più mettiamo minutaggio adesso e meglio staremo quando inizia la stagione. Ci fa solo che bene.

Rispetto alle prime amichevoli sale anche il vostro apprendimento…
Certo, sono d’accordo. Stiamo cercando di migliorare il pressing su perdita palla, ci stiamo lavorando tanto e oggi l’abbiamo fatto vedere. Tutti in pressing appena persa palla oggi. Specialmente su questo sarà importante per il campionato.

Hai segnato da mediano. Florenzi non vuole rimanere dietro…
Florenzi è così, non può stare dietro (ride, ndr). Il suo gol è venuto fortunoso, l’importante è che l’ha messa dentro (ride, ndr).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra