Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Femminile, Di Criscio: “Stiamo lavorando tanto. La società ci ha chiesto di alzare l’asticella”

La calciatrice giallorossa: “Non vedo l’ora di iniziare

A Norcia prosegue il ritiro della Roma Femminile. Oggi Federica Di Criscio, difensore centrale, è intervenuta ai microfoni di Roma TV:

Come va il ritiro?
“Sta andando bene, stiamo lavorando tanto e siamo pronte a faticare per raggiungere grandi obiettivi. Il livello si è alzato rispetto all’anno scorso, si può lavorare bene”.

Come si è alzato il livello?
“I nuovi arrivi ci stanno dando una mano. Quando in un gruppo si hanno giocatori internazionali che hanno giocato in campionati internazionali il livello si alza anche perché sono abituati a un’intensità diversa e siamo noi a doverci adattare a loro”.

Il gruppo sembra davvero unito.
“Assolutamente sì. I nostri principi non sono cambiati e chiunque verrà qui si metterà in gioco e capirà che il gruppo è tra i nostri punti di forza. Questo è quello che il coach ci chiede fin da subito”.

Ti ha impressionato qualcuna delle nuove?
“C’è tempo per conoscerci. Per il momento stiamo lavorando bene, vedremo col tempo”.

Tra i nuovi arrivi c’è Giugliano, una tua amica. Come l’hai accolta?
“Con lei ho un bellissimo rapporto fin dai tempi del Verona. Un gran piacere riaverla qui, lavorare con lei è un piacere”.

Può essere l’anno giusto per lanciare definitivamente il calcio femminile?
“Il Mondiale ci ha dato una mano ma l’importante è che le società credano nel movimento. Saranno le società a fare la differenza”.

L’obiettivo della squadra e i tuoi personali?
Giocare per le prime due posizioni, possiamo giocarcela con tutte e dobbiamo alzare l’asticella, come ci ha chiesto la società. L’obiettivo è andare in alto”.

Oggi il sorteggio dei calendari, quale sfida attendi con più ansia?
“Tutte, non vedo l’ora di iniziare. La partita è quella che ci gratifica di più. Dopo tanti sacrifici in estate, aspettiamo tutte di arrivare alla prima di campionato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile