Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 12 agosto 2015: Edin Dzeko è un nuovo giocatore della Roma (TWEET)

L’attaccante bosniaco arrivò in prestito (4 milioni) con riscatto fissato a 11 milioni dal Manchester City: scelse la numero 9

Edin Dzeko è ad un passo dall’Inter, ma ricordate il suo arrivo nella Capitale? Era il 12 agosto 2015 quando arrivò l’ufficialità del passaggio del bosniaco alla Roma. Dopo quattro stagioni al Manchester City, il bosniaco passò quindi in prestito con obbligo di riscatto al club giallorosso dove tuttora, nonostante le voci di mercato, ancora gioca. Fu la numero 9 la maglia da lui scelta. Questo il tweet della AS Roma nel giorno dell’ufficialità:

Il centravanti bosniaco con la maglia della Roma ha collezionato, fino ad ora, 179 presenze (137 in Serie A, 7 in Coppa Italia, 35 tra Champions e Europa League) mettendo a segno 87 reti (62 in Serie A,  2 in Coppa Italia, 24 tra Champions e Europa League).

Rendimento per stagione (tranfermarkt.com)

Rendimento per stagione (tranfermarkt.com)

Nella stagione 2016/2017, grazie ai suoi 29 gol in campionato, si aggiudica il titolo di capocannoniere della Serie (7 doppiette, 22 partite a segno).

A tre anni dal suo approdo nella Capitale, nella stagione 2017/2018, grazie ai suoi gol, porta la Roma in semifinale di Champions League, persa poi contro il Liverpool di Salah. E’ stato il calciatore a segnare più gol nella massima lega europea in tutto il 2018.

La domanda quindi sorge spontanea. Nonostante i suoi alti e bassi, quanto ci perde la Roma lasciando partire Edin Dzeko?

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord