Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Prosinečki (ct Bosnia): “La famiglia è stata fondamentale nella scelta di Dzeko”

Torna a parlare il ct della nazionale bosniaca Robert Prosinečki

Nemmeno un mese fa era stato il primo a fornire degli indizi importanti sul futuro all’Inter di Edin Dzeko.
Ora torna a parlare, dopo il rinnovo del centravanti con la Roma: Robert Prosinečki è intervenuto sulle frequenze di “Teleradiostereo”.

Quanto ha influito la famiglia nella nella scelta finale di Dzeko?
Sicuramente la moglie e i figli hanno influito. Loro lo hanno sempre detto di sentirsi a casa. Lei stessa lo vede molto più tranquilla e felice dopo il rinnovo.

Dzeko si è consigliato con lei? Cosa pensa possa dare ancora un giocatore come lui alla Roma?
Come ho detto più volte, dal momento del rinnovo vedo un Edin più felice, dentro al progetto Roma. Vedo una squadra che può lottare seriamente per un posto in Champions League, di questo ne ho parlato anche con lui.

Conosce Fonseca? Sta lavorando bene con Dzeko?
Lo conosco molto bene, l’ho visto sia con lo Shakthar che nei diversi club in Portogallo. Mi piace molto il suo gioco, credo che con un tecnico come lui Edin si troverà molto bene.

Ci fa una previsione sulla classifica finale di questa Serie A?
La Juve sicuramente è la squadra favorita: ha comprato bene e con Sarri può crescere. Poi ci sono Napoli e Inter, che in questo momento sono leggermente sotto. Per il quarto posto, credo che la lotta sarà tra Roma, Milan, Atalanta e Lazio.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News