Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma incompleta davanti e dietro

Manca un centrale d’esperienza e il sostituto di El Shaarawy a questa Roma

Fonseca insiste da tempo per avere il centrale difensivo che gli manca. Con eleganza, e senza dunque fare riferimento a Manolas, offre anche l’identikit: esperto e veloce. Finora Petrachinon è riuscito ad accontentarlo. Mancini è arrivato prima della richiesta pubblica del portoghese, Cetin subito dopo. Sono riserve, però: acerbo l’azzurro, scommessa il turco. Alderweireld avrebbe messo d’accordo l’allenatore e il ds. Ma, lasciando comunque aperto lo spiraglio per il ribaltone che sul mercato non è mai da escludere, la trattativa sembra sospesa, con il Tottenham che non fa nessuno sconto sul prezzo che è di almeno 28 milioni.

Alderweireld, dopo la dolorosa separazione da Manolas, avrebbe fatto la differenza nella linea a 4 della Roma. Non Rugani che, riflessione principale, diventa esubero della Juve proprio nella stagione in cui a Torino arriva Sarri che lo ha fatto sbocciare nell’Empoli. Il difensore, in 4 anni di serie A con la Juve, ha giocato poco più di un terzo delle partite. E non sempre da titolare: 59, solo 15 su 38 nell’ultima, da perfetto panchinaro. Avere più di un dubbio è quindi legittimo. Ce l’hanno anche Fonseca e Petrachi. Non è il profilo ideale.

L’operazione, invece, è inaccettabile se diventa solo economica e non tecnica. Soprattutto se per avere il venticinquenne la Roma spendesse come non ha fatto per Alderweireld che è titolare del Tottenham vicecampione d’Europa e del Belgio. E lo è ancora di più in più se, sempre per l’ennesima plusvalenza da mettere a bilancio, in bianconero finisse il talentino della Primavera di De Rossi, il centrocampista Riccardi (classe 2001). Lo scambio, con l’inserimento del diciottenne, è la conferma che, se il presente è anonimo, il futuro proprio non interessa. A quello, però, pensa l’amica Juve che si prende il meglio del vivaio giallorosso. Ha cominciato ad inizio estate con Luca Pellegrini, girato poi al Cagliari che continuerà a svezzarlo: a Trigoria, incassando anche 7 milioni di conguaglio, Paratici ha mandato Spinazzola (ieri si è fermato e non sarà disponibile contro il Genoa: distrazione muscolare al bicipite femorale sinistro). Ora tocca a Riccardi prendere la strada di Torino (non è affatto convinto e lo fa sapere su Instagram: «Ora più che mai…amore infinito», con cuori giallorossi), regalo alla tifoseria per il debutto in campionato domenica sera all’Olimpico. E chissà se domani, cioè l’anno prossimo, pure a Zaniolo.

Niente da fare per il sostituto di Manolas. E, al momento, nemmeno quello di El Shaarawy. Davanti manca il rinforzo di primo piano almeno quanto dietro. Anzi di più. La Roma di Fonseca sarà a trazione anteriore e l’attacco di conseguenza fondamentale. Servono specialisti. Nell’ultimo campionato questo il rendimento dei giallorossi: El Shaarawy 11 gol, Dzeko 9, Kolarov 8, Fazio e Perotti 5, Cristante e Zaniolo 4, Florenzi, Pellegrini, Under e Schick 3, Kluivert 1. L’investimento è da fare nel ruolo di El Shaarawy. Perotti, Kluivert e Florenzi, in 3, hanno realizzato meno reti: 9. L’esterno offensivo, dunque. Ma anche il vice Dzeko. Se non è possibile raddoppiare lo sforzo, va scelto almeno l’interprete capace di coprire entrambi i ruoli. Mariano Diaz andrebbe bene, sempre che ritrovi la mira. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa