Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Talento e carisma, Pau Lopez va alla conquista dell’Olimpico

Dopo un anno difficile con Olsen, la porta giallorossa volta pagina

È arrivato il momento, di interrompere questa serie nera e Pau Lopez lo vuole fare proprio domani sera, all’Olimpico, quando con la Roma ospiterà il Genoa dell’ex Aurelio Andreazzoli. Tra l’altro, molti degli occhi dei tifosi giallorossi saranno proprio su di lui, non fosse altro perché sarà l’unico volto nuovo a partire dal via. Insomma, per chi è scaramantico è meglio incrociare subito le dita, visto che negli esordi assoluti di Pau Lopez sono arrivate solo sconfitte.

È successo nell’Espanyol B, nella prima squadra dell’Espanyol, con la seconda squadra del Tottenham e anche con il Betis, con cui il 17 agosto dello scorso anno fu sconfitto in casa per 3-0 dal Levante. Domani ci sarà la prima in assoluto con la Roma, il portiere spagnolo vuole portare a casa finalmente una vittoria. “Abbiamo voglia di iniziare il campionato, siamo pronti”, come ha scritto sul suo profilo Twitter. Ovviamente le statistiche lasciano il tempo che trovano. E sono anche fatte per poter essere smentite. Lopez punta soprattutto a questo, anche perché in questo precampionato ha già fatto vedere di essere un portiere vero.

Qualcuno, del resto, aveva storto il naso quando sono uscite le cifre ufficiali del suo acquisto: 23,5 milioni di euro più la percentuale sulla eventuale futura rivendita di Sanabria, per un costo totale stimato in circa 30 milioni. Ma quel che conta davvero è che la Roma abbia finalmente sistemato di nuovo la porta, dopo l’esperienza negativa della scorsa stagione con Robin Olsen. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa